Casa in Saldo

700La Grecia è circa due anni avanti a noi. Oppure, per essere più chiari ancora, tra due anni faremo la fine della Grecia. Questo è quanto si legge in numerosi blog d’economia (e ovviamente NON nella stampa tradizionale). Ma è proprio così? Per avere un’idea di come stanno le cose, dovremo buttare un occhio al mercato immobiliare che spesso (non sempre) è la cartina di tornasole dello stato di salute di un paese. Stabilità e crescita del prezzo delle case indicano un’economia sana e infatti vediamo in questi mesi la ripresa del mercato in America dopo anni vissuti pericolosamente, mentre per l’Inghilterra e la Germania qualcuno parla già di bolla immobiliare.

In Italia non abbiamo subito un crollo sfacciato, come quello registrato negli Sati Uniti e in Spagna, eppure eheheh, qualcosa verso il basso si muove. Così, mentre tutti parlano di ripresa, alziamo il nasino e guardiamo cosa succede negli annunci di vendita di case.

Fino a qualche tempo fa il prezzo non si discostava di molto da quello del boom (anno 2007), diciamo non oltre il 10 per cento. Poi magari in trattativa si scendeva ancora, ma almeno sulla carta nessuno scossone poteva registrare l’investitore padre di famiglia.

Il 2015, però, è iniziato sotto altri auspici.

Nella foto sopra vedete un negozio in un centro storico di una cittadina veneta di medie dimensioni (Conegliano) e di circa 40 metri quadrati. Sono andato a vederlo di persona e OK non è il massimo perché è imboscato e se non lo sai non ci vai li per caso, non ci si passa davanti. Quindi non pare spendibile oggi in un’ epoca di floridi centri commerciali a meno che non aprano una “frulleria di maroni” e la commessa non sia una mora vestita da pantera in lattex.

Insomma, se la commessa non sarà come questa

ainett

ainett2

Difficile affittare un locale di quel tipo.

PERO’ il prezzo dell’annuncio dice 20.000 euro. E aggiunge:  TRATTABILI!!!

Ora, non si ha modo qui di capire cosa ci sia sotto e se ci sia sotto qualcosa, ma annunci di questo tipo, da qualche settimana, non sono più una novità, ed anzi riamangono li a giacere come gli immobili invenduti.

Inutile forse aggiungere che fino all’anno scorso con 20.000 euro in una citta di quasi 40mila abitanti in Veneto non ti compravi nemmeno il posto auto né tanto meno un magazzino di 40 metri quadri, ma tant’è, a me annunci di questo tipo mi fanno venir voglia di prendere la palla di vetro e di guardare al futuro.

E che ci vedo? Niente di preciso, perché in verità la mia palla di vetro – ma che sfiga! – è particolare: ci si vede bene solo il passato! E se la rigiro fino a 1 anno e mezzo fa e la oriento verso la Grecia, vedo negozi e appartamenti a 20mila euro

… per dirla con Zio Paperone … MUMBLE MUMBLE

mumble

 A MENO CHE… a meno che non vi procuriate la pantera di cui sopra!

In fondo, se non riuscite ad affittare, avrà sempre un valore d’uso

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*