In Grecia, prima di suicidarsi perchè senza lavoro, i gay potranno sposarsi

Dunque, dopo la sconfitta di Varoufakis e la carambola europeista di Tsipras abbiamo mangiato pane e cicoria. Sui social, personalmente, alle televisione ci hanno spiegato che Tsipras non aveva altro modo che accettare la legge della Troika per non uscire dall’euro ed evitare la catastrofe. Sono passati un po’ di mesi, NESSUNO NE PARLA. Com’è andata a finire la resa di Tsipras che avrebbe rilanciato e bla bla? Le riforme e bla bla?

Sentiamo cosa dicevano sull’Internazionale:

“Molti lo consideravano già perdente e vicino al tramonto politico – commentava a settembre Barnard Guetta (no, non è un dj) – e invece, per la seconda volta in un anno, Alexis Tsipras ha vinto nettamente le elezioni, una vittoria che a ben guardare non ha nulla di sorprendente. Qual è la promessa su cui quest’uomo era stato eletto a gennaio? Mantenere la Grecia nell’euro e nell’Unione rinegoziando il pagamento del debito e le condizioni del salvataggio imposte dagli altri stati europei e dal Fondo monetario internazionale. Poiché Syriza non è legata a nessuna clientela, potrà realizzare le riforme”.

Se non fosse che amiamo i greci e soffriamo per le loro difficoltà sarebbe da rider loro in faccia fino alle lacrime!

Dopo aver ri-vinto le elezioni a settembre in Grecia ci sono stati due scioperi generali e le riforme sono presto dette, nell’ordine:

carneficina delle pensioni –

taglio ai dipendenti pubblici –

privatizzazione di servizi e di gioielli di stato.

La Germania, artefice del disastro greco ben più degli oligarchi greci,  sta per comprare 14 aeroporti in Grecia (ma chissà come mai!). Il pil è deludente, con un sonoro -0.9 nella rilevazione di fine ottobre, la disoccupazione rimane a livelli stellari.

pilgreco

Questi dati, in particolare il -0,9 sono introvabili (quasi) su google. Dopo aver parlato solo di Grecia a Luglio ora sulla merda in cui l’ha ricacciata Tsirpas, neoeuropeista, tutti tacciono.

Varoufakis aveva ragione e chi ci aveva contraddetto in questi mesi sulla questione greca dovrebbe solo vergognarsi

Occorre però ammettere che c’è una notizia sulla Grecia che sta girando alla grande in queste ore prenatalizie. La Grecia sta facendo un bel regalino rassicurante alla Ue:

“ll ministero della Giustizia greco – scrivono oggi in pompa magna quelli del Corriere –  ha depositato venerdì un progetto di legge che punta ad allargare anche alle coppie omosessuali la possibilità di contrarre un’unione civile”

FINALMENTE la sodomizzazione in Grecia non sarà più un tabù…

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.