Poletti … basta la parola

La Rete MMT offre analisi economiche e soluzioni pratiche di assoluta qualità. Oggi l’editoriale della psicologa del lavoro Deanna Pala sul Ministro Poletti e sui suoi rimedi “ottocenteschi” merita un applauso a scena aperta e una lettura integrale. (Un grazie grande come una casa all’editorialista per avercene concesso la pubblicazione).

Poletti sui ritardi dell’entrata dei giovani nel mercato:

Meglio laurearsi prima con voti bassi che dopo e con voti alti

Questa che avete letto non è la ricetta proposta da un responsabile della selezione del personale, ma la ricetta di un Ministro del Lavoro.

Lunedì scorso sono stati resi pubblici i dati Istat riguardanti il lavoro su base mensile; la disoccupazione giovanile cresce dello 0,3%.

Un uomo di Stato si chiederebbe come dare lavoro a tutti questi giovani che lo cercano ma che non lo trovano. Penserebbe a come creare tanti posti di lavoro quanti sono i disoccupati. Un responsabile della selezione invece pensa a trovare l’uomo migliore per il posto di lavoro vacante e forse sceglierebbe il giovanissimo laureato ma con voti bassi.

Ma il problema è dato dai pochi posti di lavoro, non dai tanti giovani.

Nella Costituzione non è scritto “il lavoro è un diritto di chi si laurea prima con voti bassi e lo è meno per chi si laurea bene ma con ritardo”. È scritto, e non a caso, che il lavoro è un diritto. Punto.

La frase di Poletti non va letta come l’ennesimo caso di uscita infelice (è riuscito a dire anche di peggio negli ultimi giorni) ma è la chiara visione su come il Governo (e l’Unione Europea prima ancora del Governo) intende affrontare il dramma della disoccupazione: un problema di offerta.

Secondo questa impostazione i giovani disoccupati non sono abbastanza competitivi, non abbastanza proattivi, non abbastanza informati su come si trova un lavoro e non “si fanno trovare” facilmente dalle aziende che cercano personale. Affrontare la disoccupazione dal lato dell’offerta e non della domanda equivale a potenziare i servizi che aiutano i ragazzi a farsi trovare dalle aziende che assumono, così però si offusca la comprensione del vero problema.

Se ci sono 10 giovani disoccupati e un’azienda che ne cerca 5 da assumere, anche quando l’offerta incontrerà la domanda, 5 di questi giovani rimarranno disoccupati. E anche quando tutti e 10 saranno diventati competitivi, formati e informati 5 di loro saranno sempre disoccupati.

Il nostro Ministro del lavoro direbbe “ma saranno i 5 peggiori a restare disoccupati”! Esattamente come direbbe un responsabile della selezione del personale (ma non un uomo di Stato).

Un uomo di Stato penserebbe a creare altri 5 posti di lavoro, rispettando la Costituzione. Il problema è la domanda, troppo bassa per quei giovani laureati di cui parla Poletti, così come per i diplomati o per i tanti che non hanno un titolo di studio ma hanno capacità lavorative. Un uomo di Stato saprebbe che l’unico strumento a sua disposizione per aumentare l’occupazione è la spesa pubblica in deficit.

Invece abbiamo Poletti.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.