La Tragedia dell’Europa. Troppa Troika e Poca Mascolinità

Secondo l'autrice danese Iben Thranholm, la società occidentale post-moderna sta pagando caramente l'affermazione del femminismo, a tutto vantaggio della cultura islamica, che invece la rifiuta in toto.

Iben Thranholm

Giornalisti, intellettuali e politici assicurano il pubblico che ai maschi "rifugiati" che dal Medio Oriente, Nord Africa e Asia centrale prendono d'assalto le porte dell'Europa verrà richiesto di imparare che le donne occidentali sono indipendenti, sessualmente libere e da rispettare.

Per molti di questi gruppi di migranti le donne che appaiono forti nei confronti dei loro partners "locali" (europei) sono "facili", nel senso di facili vittime. Per molti arabi, africani o pakistani c'è rispetto solo per gli uomini forti, una specie che ora non è molto diffusa in Europa .

La carenza di mascolinità nella cultura europea rende impotente di fronte al caos politico e culturale degli ultimi decenni che l'immigrazione di massa da Africa e Medio Oriente fa esplodere.
(nella foto: manifestazione in Olanda contro gli stupri di Colonia del 2016 di un gruppo di olandesi che si vestono con minigonne per impersonare le donne)

I media e i politici occidentali continuano a sostenere di voler far assorbire i valori femministi-liberali ai maschi musulmani e africani. Bisogna chiedersi, invece, se non siano gli europei a dover riconsiderare la guerra femminista alla mascolinità come la causa di fondo della debolezza della cultura europea nei confronti della cultura degli immigrati. L'ironia è che il vuoto che il femminismo ha creato implica ora che le donne occidentali sono vittime di una cultura maschile aggressiva.

Un recente sondaggio condotto dal Pew Research Center mostra che il numero di giovani uomini negli Stati Uniti che vogliono sposarsi è sceso al livello più basso mai registrato.

Suzanne Venker ad esempio ha argomentato in diversi libri che l'influenza culturale pervasiva del femminismo è la causa di questa "rinunica": gli uomini spiegano la loro mancanza di desiderio di sposarsi con l'osservazione che "le donne non sono più donne", il femminismo che imbeve la cultura attuale condiziona le donne a vedere gli uomini come antagonisti. Di conseguenza, i maschi diventano ridondanti nella cultura occidentale post-moderna, sono "in più". Le donne non hanno più bisogno degli uomini come supporto, protettori o padri dei loro figli; un donatore di sperma anonimo può fare il lavoro di creazione di un bambino, se una donna lo desidera.

La cultura dei media, del cinema e della TV mostra che le madri devono allevare i figli maschi in modo in modo simile alle femmine, trasmettendo valori femminili come la responsabilità per i lavori domestici, l'essere comprensivi e teneri e a piegarsi ai desideri della donne. Questo ha prodotto una generazione di uomini insicuri, morbidi e confusi, che non sono più in contatto con la loro naturale identità e forza maschile .

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*