E adesso occhio all’Oro, anche per gli investitori di Medio Periodo

“Ci sono ragioni per credere che le banche centrali falliranno”. Il virgolettato riguarda Marc Faber, uno dei più famosi gold bug del mondo. Svizzero di nascita e americano d’adozione, Faber è una vita che raccomanda l’oro come bene rifugio e protezione da crisi come quella preannunciata sopra. Lo ha fatto negli anni dello sboom (2011-2014) e continua anche in queste fasi di incertezza. Comprate Oro! Lo diciamo anche noi, nel nostro piccolo, ma alle considerazioni solite di lunghissimo periodo, stavolta ce la sentiamo di aggiungere anche qualche osservazione di analisi tecnica.

L’analisi di Faber, in estrema sintesi:

faberPer espandere l’economia, le banche centrali hanno permesso una forte estensione del debito, ma nel tentativo di sopprimere i rischi individuali, alla fine si arriva al rischio sistemico. Ci sarà infine una crisi enorme e da investitori non sapremo come gestirla.

La domanda allora dovrebbe essere: “Quale banca centrale è la più folle?” Perché si capisce, le banche centrali hanno manipolato quasi tutto:  le valute, i tassi di interesse, le scorte.

A volte è interessante osservare negli Stati Uniti, quando il mercato è stato molto debole durante l’arco delle 24 ore, in altre parole, quando il future S & P scende di 20/30 punti, ecco che, improvvisamente, emerge una manina -manona in acquisto che spinge verso l’alto il mercato.

La Fed non si limita ai tassi di interesse ed al QE  – sottolinea Faber – ma di tanto in tanto fa un passo verso il mercato azionario per stabilizzare il mercato e cercare di spingere in su. Faber è convinto che altre banche centrali di tutto il mondo … in Giappone, fanno cose simili con altri diversi sistemi

Quindi c’è una gigantesca manipolazione, ma non durerà per sempre. In Europa ci siamo avviati verso tassi di interesse negativi e  anche negli Stati Uniti potrebbero introdurre tassi di interesse negativi. Per Faber, i tassi di interesse negativi però, non aiuteranno affatto il mondo dell’economia.

L’oro di medio periodo

Se per Faber la visione delle borse per il 2016 non registra nulla di buono, discorso diverso dovrebbe allora essere per l’oro, primo amore dell’investitore svizzero. In questi giorni, l’andamento grafico dell’oro ci sta facendo vedere una figura classica dell’analisi tecnica, il triangolo.

GOLDDaily

Com’è noto, il triangolo è espressione di una compressione di volatilità; i prezzi, cioè, nella loro evoluzione, hanno escursioni via via meno accentuate fino a che poi esplodono in un movimento violento. Si tratta, cioè, di una figura che è espressione di una compressione che spesso anticipa una esplosione di volatilità con forti movimenti di tendenza.

Comunque vada, le performance da inizio anno sono strabiliante e di sicuro interesse per molti investitori che stanno rivalutando i metalli preziosi. L’argento, che risulta un proxy dell’oro, potrebbe riservare sorprese ancora maggiori.

PS LA NOSTRA SEZIONE DEDICATA ALL’ORO E’ PIUTTOSTO RICCA, DATE UN’OCCHIATA, SOPRATTUTTO GLI APPASSIONATI DI MONETE D’ORO E DA COLLEZIONE 🙂

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.