Mario Draghi è pronto col suo famoso Bazooka

A quando un titolo vergognoso come quello del Sole 24 nel 2011 “Fate Presto”? Divertiamoci con le previsioni: quando l’indice Ftse Mib della Borsa Italiana toccherà quota 12mila, i giornali mainstream che ammorbano questo paese ripeteranno lo stesso mantra del 2011. I mercati affossano l’Italia, strepitavano allora e, vedrete, al tocco di quota 12mila starnazzeranno frasi da panico dello stesso tenore. Per chi sa a malapena leggere e scrivere appare subito evidente  che non contano i popoli, le idee, la laboriosità, l’ingegno, nemmeno le risorse primarie e la posizione geografica. Contano le manovre finanziarie (denaro virtuale, manovrato a livello bancario da 4 ragionieri iscritti alla Bocconi). Oggi, come allora, non si sa perché cavolo si debba “fare presto”. Per andare in pensione a 67 anni invece che a 65? Per chiudere qualche ospedale in più? … come se non si andasse in questa idiota e inutile direzione da più di dieci anni … Con 1 miliardo e 400 milioni di cinesi che concorrono sulla produzione manifatturiera e con un centinaio di basi americane sul suolo italiano, il nostro problema per lor signori era che si andava in pensione “troppo presto”. Con 3.000 miliardi di interessi pagati dall’italia sul debito pubblico. Dico: 3000 miliardi solo di interessi…! per loro il problema era che lo spread tra titoli di stato italiani e quelli tedeschi saliva a punti 500!
Vabbè, se proprio volete credere a queste fesserie, credeteci pure. Anche mio figlio di 7 anni l’ha capita che se lo Stato è sovrano della propria moneta non può esistere nessuno di questi problemi, ma ha sette anni, ancora non l’hanno infarinato di amenità su Cialtron Eston Draghi, sul Quantitative Easing, sulle riforme (quando sento la parola riforme metto mano alla pistola: ce ne propinano almeno una dozzina all’anno e da oltre dieci anni).
COME CI INCUNEERANNO (scrivere “inculeranno” pareva brutto). Il quantitative easing (QE) – e lo spiego soprattutto ai giornalisti italiani che scrivevano esclusivamente di Juve Juve Juve e di Totti Totti Totti fino a cinque anni fa – significa solo che la Banca centrale Europea si compra il debito pubblico dei paesi europei. E’ tutto là. Siccome la cedola che staccano è più bassa di Renato Brunetta, i privati di rado si comprano btp, bunz, schatz, bonos e altre robette così. Quindi se li comprano qualche stato extraUe, qualche banca, qualche speculatore che ci fa trading, ma soprattutto se li comprano con il QE il nostro Cialtron Eston Draghi (detto marione da noi che gli vogliamo bene). Nel fare sta roba, già testata in America con discreto successo, la Bce va contro il suo statuto fondativo, ma si sa, in Europa ci sono più avvocati e giuristi che profughi siriani e napoletani, quindi riescono tranquillamente ad aggirare sto problemuccio.
Inoltre, e qua viene il bello, la Bce si può comprare sul mercato secondario solo un ¼ delle obbligazioni statali emesse da ogni singola nazione, per far vedere che non fanno preferenze politiche e manovrine (ahahahahahahahaha).
L’unica eccezione riguarda il rating, che se è sotto una certa soglia esclude gli acquisti da parte della BCE con il metodo QE (ehm, crepassero tutti di emorroidi a grappolo quelli che hanno inventato sti acronimi inglesi). In altre parole, ecco che potrebbe succedere: l’Italia si cucca un rating inferiorre a BBB- e Draghi non compra più la quota di btp italiani. Quindi nuovo panico, cambio di governo, troika ancora più preopotente ecc. ecc.
Ecco, come ci incuneeranno. Ed io aggiungerei anche, visto che sono un godurioso pervertito: FATE PRESTO!!!

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.