W la Brexit: porterà vantaggi sia agli inglesi che a noi

Come tutti sanno, il 23 giugno in Gran Bretagna si vota per l’uscita dell’Inghilterra dall’eurozona. In molti in Italia (ehm, dove però su cose importanti non si vota…), si chiedono perché mai gli inglesi dovrebbero farlo, soprattutto ora che il loro premier David Cameron ha ottenuto molte garanzie sul sistema bancario e sulla moneta nazionale, la sterlina. In altre parole: se gli inglesi godono e godranno di molti privilegi in eurozona, perché dovrebbero abbandonarla?

Il motivo, come rileva anche il sito scenarieconomici.it, consiste nel mercato di riferimento degli inglesi, che è il commenwealth. Un mercato molto più grande di quello europeo.

com

Perché mai gli inglesi dovrebbero sottostare ai tedeschi se possono contare su un mercato più grande? E, soprattutto, perché consegnare le chiavi di questo mercato (ripeto: più grande di tutto quello Ue) ai tedeschi?

Se scenarieconomici ha però chiarito bene i motivi della febbre da Brexit, noi ci occuperemo qui di un problema più rilevante per noi italiani, e cioè: cosa farà la Germania se gli inglesi se ne vanno?

Lo stiamo già vedendo in queste ore, con gli accordi sulla Siria e la politica di disgelo voluta da Putin con il ritiro del grosso delle sue forze armate dal medioriente. Le sanzioni alla Russia hanno le ore contate semplicemente perchè la Germania in caso di brexit non può fare a meno della Russia, oltre che sempre di più della Polonia, dei paesi baltici e di quelli balcanici.

Nell’infografica che vi proponiamo si vede la proiezione del pil (GDP in lingua inglese) dei paesi dell’area euro più rilevanti, Germania, Francia e Italia, nella loro esposizione verso paesi baltici, balcanici e la Russia. la proiezione è stata fatta sula base di dati Eurostat.

ger

Come si evince dalla proiezione da qui al 2080, la brexit sarà un’occasione di sviluppo per la Germania e non, com’è stato falsamente detto, una sconfitta. Ciò va tenuto presente per il semplice fatto che l’Unione Europea non ha nessun significato politico, ma solo commerciale e che ogni qual volta in Ue si cerca una regolamentazione strutturale, riformatrice e, insomma, di tipo politico, è sempre stato e sempre sarà per favorire le attività commerciali dei paesi più forti in quella precisa fase storica.

 

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.