La Bolla immobiliare che sta per scoppiare in Inghilterra

Sono diversi anni, almeno dal 2013, che leggiamo di una fantomatica bolla immobiliare che starebbe per scoppiare in Inghilterra. La bolla non è scoppiata perché gli stranieri continuano a comprare, parcheggiando un sacco di liquidità a Londra, ritenuta più sicura di altre spiagge in questa fase. Sui media, invece, si legge che la bolla deve scoppiare perchè Cameron ha promosso una politica di mutui facili per acquistare la casa, soprattutto per i giovani.

Il premier inglese  ha in effetti avviato una serie di misure molto efficaci per favorire i mutui per i giovani (i piani si chiamano “Funding for l’ending” e “Help to buy”) con corpose agevolazioni per le banche che effettuano prestiti a tassi ragionevoli. I mutui si sono impennati e i tassi sono scesi ben al di sotto del 3% alimentando, secondo gli analisti, il crescere della bolla.

Dal 2013 le case a Londra, in media, sono salite di prezzo del 40%. Una enormità, soprattutto se confrontata con la stagnazione del resto d’Europa. Tuttavia, finora, sta benedetta bolla non è scoppiata. Ma allora, perché un pezzo dedicato a questo tema? Il mercato non è forse imprevedibile?

Si, nessuno può dire ovviamente cosa accadrà, ma se una bolla immobiliare scoppia non lo fa perché i prezzi sono troppo alti, ma perché gli stipendi non salgono proporzionalmente.

Nel grafico sottostante si nota come gli stipendi reali in Uk siano in calo su base storica (il grafico parte dalla seconda metà dell’ottocento) e che comunque gli ultimi dati a cavallo tra 2015 e 2016 non seguono certamente l’exploit esponenziale del mercato immobiliare.

salari

In questo grafico, invece, la trend line tracciata dall’aumento dei prezzi delle case a Londra.

immobili

Ultimo, ma decisamente rilevante, la tabella che indica il carovita cui sono sottoposti gli inglesi.

stipendi-costo-vita-europa

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*