La Russia di Putin in Egitto. E non per turismo.

Alcuni reggimenti paracadutisti russi sono stati trasferiti in Egitto per partecipare ad una manovra congiunta con l’esercito della Repubblica araba. Il Comando della Forze Aerospaziali russe lo ha confermato ed in Italia gli unici ad anticipare la notizia sono stati gli analisti di DifesaOnLine.

“Per la prima volta nella storia, paracadutisti russi totalmente equipaggiati saranno schierati in Africa per partecipare ad un’esercitazione internazionale congiunta”.

L’obiettivo delle esercitazioni è quello di determinare strategie comuni di localizzazione e distruzione di ipotetiche forze nemiche nel deserto.

I parà – concludono dal Ministero della Difesa russo – hanno ricevuto una formazione specifica ed effettuato corsi di lingua, pianificazione tattica e navigazione terrestre.

Oltre trenta osservatori stranieri sono stati invitati a eseguire uno screening sulle esercitazioni. Pubblichiamo questa ultima ora anche in risposta a quanti sostengono che Putin non poteva permettersi l’intervento russo in Siria, che non c’erano le risorse e che la Russia non ha alcuna capacità offensiva al di fuori dei propri confini. Riflessioni di questo tipo vengono scritte continuamente, anche in siti filorussi di comprovata profondità analitica, come Sakeritalia (Qui il Link). E’ vero che la capacità offensiva russa convenzionale non è a livello della Nato, ma il grosso limite di tutte le osservazioni su Putin è che gran parte della strategia del Cremlino verte su informazioni fuorvianti, su piccole verità svelate appositamente per nascondere quelle più macroscopiche, sulle intese della diplomazia con i paesi interessati alle materie prime della Russia e sull’uso accorto di infiltrati e informatori. I lettori ricordano quando, in pompa magna e con tanto di conferenza stampa, Putin dichiarò che la Russia si ritirava dalla missione in Siria? Cosa staranno pensando i terroristi islamici che in queste ore sono sotto le bombe russe ad Aleppo?

Tra qualche giorno pubblicherò un libro sul pensiero filosofico di Vladimir Putin, che è in preparazione da circa un anno. Nel testo, un intero capitolo è dedicata alla strategia del Presidente russo. E non è un caso.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.