Italexit più vicina secondo i grafici

Anche se l’ipotesi sembra molto remota visto il tenore dei nostri media sulla possibilità di un’uscita dell’Italia dal sistema Ue, i grafici internazionali che “misurano” questa possibilità stanno salendo per la prima volta dopo anni.

L’Eurocrisi si insinua nuovamente dentro le teste degli investitori. Non più la Grecia, ma l’Italia è oggi il paese che più probabilmente potrebbe lasciare la zona euro entro l’anno dal punto di vista degli oltre 1.000 investitori interpellati dal sito internazionale sentix.de. Questo sviluppo verso l’Italexit sottolinea l’importanza del referendum per la Costituzione che si dovrebbe tenere (il condizionale è d’obbligo) in Italia il prossimo 4 dicembre. Curiosamente, l’ex Ministro del Lavoro e  filogovernativo presidente di commissione Maurizio Sacconi ha ventilato proprio ieri l’ipotesi di un rinvio del referendum, con la scusa del terremoto in centro Italia. Ovviamente, Renzi ha mandato avanti Sacconi per tastare il terreno, visto che i sondaggi dànno ancora in vantaggio il NO.

L’Eurozona, insomma, non sta affatto riposando, come fanno credere tutti i giornali dopo la sberla Brexit di giugno. Mentre sembrava che un “castello di pace” fosse stato edificato pochi mesi fa, le preoccupazioni in zona euro stanno gradualmente tornano di nuovo tra gli investitori. Ma questa volta non è la Grecia che domina l’ordine del giorno. Anche se per esempio i fondi pensione in Hellas sono al collasso, la probabilità di una uscita della Grecia  è scesa all’ 8,48% – il livello più basso dal 2014.

L’Italia è ora al centro per la precaria situazione delle banche italiane; le questioni politiche che circondano il Trattato costituzionale, all’inizio del mese di dicembre; e le turbolenze economiche del passato che non hanno ancora smesso di scuotere il Belpaese.

 

a

Il grafico qui sopra mostra la dimensione storica di questo segnale Italexit. E si vede che non si tratta di un evento una tantum, a causa di un messaggio di up-to-date, come abbiamo già osservato per i Paesi Bassi, per esempio, dopo la decisione Brexit.

Oltre che in Italia, è stata misurata una tendenza sfavorevole anche in Portogallo. La probabilità di uscita non è molto alta qui, ma il valore denominato EBI peggiora tramite  piccoli ma costanti passi. Così, il rischio di contagio, come misurato nell’Indice torna all’ordine del giorno degli investitori.

 b

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.