Analisi Tecnica sul titolo Eni

Condizionato dai tanti articoli dedicati alla macroeconomia e alla geopolitica, un lettore mi scrive: ma hai mollato il trading?

Rispondo ad una simile ed offensiva bestemmia con un’analisi grafica del titolo Eni.

Ognuno ha le sue formazioni grafiche preferite. C’è chi ama le forchette di Andrews, chi va pazzo per i break di supporti e resistenze, chi si commuove di fronte ai pattner di inversione del trend, come l’engulfing. Chi scrive appartiene a quest’ultima categoria di traders. Non c’è che dire, l’engulfing può dare enormi soddisfazioni, specialmente se posizionato su un time frame ampio, come il settimanale.

Prima di passare all’analisi vera e propria, tuttavia, lasciatemi spiegare ai neofiti della disciplina tecnica che leggono qualche piccolo rudimento sull’engulfing. In parole povere (moooolto povere), si tratta di una situazione di congestione dei prezzi che si verifica dopo un trend piuttosto marcato ed evidente. Poniamo, ad esempio, che i prezzi di un bene finanziario siano in discsa da qualche tempo senza grossi segni di inversione. Ad un certo punto i prezzi nell’arco di un tempo ragionevolmente breve fanno una violenta capatina verso un minimo e poi, sempre in tempi relativamente brevi, tornano a superare i prezzi precedenti chiudendo in decisivo rialzo. Per gli analisti tecnici questo è un engulfing, un ingolfamento, specificatamente bullish trattandosi di una inversione al rialzo (e il Toro  è il simbolo classico del rialzo dei prezzi in borsa).

Questo grafico a candele (il più utilizzato nel trading) rende bene l’idea.

Come si vede, la candela blu è una candela che è partita long sui prezzi minimi della candela precedente, che ha fatto nuoi minimi, ma che poi ha superato (inglobandola per dimensioni) la candela dei prezzi precedente. Poi, trattandosi di un grafico didattico, i prezzi sono subito risaliti rendendo profittevole un eventuale acquisto avvenuto al livello dei prezzi della figura ENGULFING rappresentata dal riquadro.

E l’Eni? Come sapete la società nazionale di idrocarburi soffre del prezzo del petrolio, in deciso affanno in questi giorni.

Il suo trend è al ribasso, ma nella seduta di ieri ha tracciato un engulfing bullish bello come una donna incinta.

Lo so bene che per alcuni queste cose sono arabo, ma date solo un’occhiata alla candela verde in fondo? Lo vedete come “se magna” quella prima di colore rosso? Ok, quello è l’engulfing bullish che stavo aspettando.

Usando un lessico di disciplina ancora più tedioso, direi che dopo un test sui minimi al prezzo di 14,06 Eni ha tracciato una marubozu long white arrivando a 14,59 euro. Per chi ne mastica è un’ottima occasione anche se la figura tecnica è talmente macroscopica che la vedono tutti e quindi occorre decidere bene i livelli di stop loss che rischiano di essere mangiati con molta facilità.

A questa analisi, mi permetto di linkare anche quella degli analisiti ciclici di shotrading, proposta QUI giovedì scorso

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*