Veronica De Romanis e la Ricetta della Nonna. Ma la nonna è morta.

Quando gli economisti esibiscono percentuali il più delle volte si divertono a prenderci per i fondelli. Chi sa fare bene i conti, calcolatrice alla mano, questo meccanismo lo conosce benissimo. Ecco allora che citare la Spagna come esempio virtuoso significa fare il gioco delle 3 carte. La Spagna ha migliorato percentualmente la propria disoccupazione, ma rimane il Paese con la più alta disoccupazione d'Europa con regioni - come l'Andalusia - dove il dato arriva all'imbarazzante 31 per cento. E' ovvio che sia più facile migliorare la disoccupazione in un paese dov'è a livelli record. Sarebbe come sostenere che un obeso di 200 kg - dimagrendone 4 - è  virtuso perchè ha fatto meglio di un uomo normale che nello stesso lasso di tempo ne ha persi solo 2...

Una campionessa italiana di magheggi con le percentuali, ad esempio, è Veronica De Romanis, moglie del magnate Lorenzo Bini Smaghi, renziana doc. L'economista, con laurea alla Sapienza, da qualche giorno è su tutti i giornali (e chissà come mai!) per aver dato alle stampe un libro dall'eloquente titolo "L'Austerità fa crescere". Siccome l'austerità è il virus inoculato ai paesi europei da diversi lustri, l'affermazione non può lasciare indifferenti. Sarebbe come esclamare "comprate letame, perchè miliardi di mosche non possono sbagliarsi". Oppure: "non è il tradimento ad essere la prima causa di divorzio, ma l'istituto del matrimonio", e avanti così, a corbellerie crescenti.

Per avvalorare la sua tesi, e cioè che l'austerità fa bene, la De Romanis chiama in causa l'inchiavabile di berlusconiana memoria, Angela Merkel, ma anche la succitata Spagna - paese che sfora il deficit come gli pare, con punte del 7% (noi siamo sotto al 3...); oppure l'Irlanda, divenuto uno scandaloso paradiso fiscale per brevetti. Ci manca solo che citi la n'drangheta e poi siamo serviti. Ma è a mio modo di vedere un altro l'aspetto che più dovrebbe sconvolgere i giornalisti, gli analisti ed i politici che leggono l'inchiostro di questi maestrini nostrani di economia: le loro vicende personali! Il moralismo falsamente calvinista che trasuda da personaggi come Michele Boldrin o Veronica de Romanis grida vendetta. Al di là delle loro analisi con tabelle e le solite medie del pollo, è dentro i loro curricula e il loro style of live che bisognerebbe andare a vedere, per capire veramente da che pulpito.

Il caso della de Romanis merita più di qualche riflessione. Com'è noto, l'economista renziana leopoldina è la moglie di Lorenzo Bini Smaghi, che fu membro del bord della Bce. Già chiedere a gente della Bce se l'usterità è buona è come chiedere all'oste se il vino è buono, ma ad ogni buon conto la famiglia non è poprio delle più austere, se è vero che austerità, nel dizionari dei sinonimi ci propone come termini alternativi "sobrietà", "frugalità", "moderazione". Il ducaconte, che ha anche un altro cognome, Bellarmini, possiede ettari di tenute nel Chianti e ovviamente una villa, che la famiglia possiede fin dal Quattrocento. La villa i Tattoli è in realtà molto di più di una villa, essendo una tenuta con tanto di sito internet e citazione su wikipedia, enciclopeida elettronica dalla quale evidenziamo questo breve estratto:

La villa, a cui si accede da un lunghissimo viale di cipressi, è perfettamente inserita nel paesaggio grazie al giardino all'italiana che la circonda; giardino che per adattarsi al pendio è stato suddiviso in terrazzamenti. All'esterno la villa si presenta come un parallelepipedo con alcuni edifici annessi alla facciata secondaria. Tutte le facciate esterne sono su due piani con due ordini di finestre incorniciate da fasciature in pietra serena al primo piano e inginocchiate al piano terra. La purezza delle linee rinascimentali della facciata è ripetuta anche nel chiostro interno. Sul lato nord il chiostro presenta due ordini su cinque arcate, ad arco a tutto sesto le inferiori mentre le superiori con arco ribassato. Al piano superiore il loggiato continua sul lato est con un'arcata costruita nel  1925. Sotto le volte di crociera del primo ordine del chiostro sono dipinti degli stemmi gentilizi. La facciata principale è caratterizzata al primo piano da una doppia loggia con colonne binate che riprende la forma delle arcate del chiostro, e un portone che conduce direttamente al chiostro. Sul viale d'accesso alla villa è posta anche la cappella privata della famiglia.

Insomma, più austeri, frugali e sobri di così si muore!

Ma già la sento la difesa d'ufficio alla Signora de Romanis: i Tattoli è una dimora di campagna ereditata dalla famiglia di Lui.  Che ci si può fare? Mica la possono bruciare! L'economista proausterità vive in modo sobrio e frugale a Roma la maggior parte del tempo coi figli Corso e Laudomia (si, avete letto bene). Sfrugugliando in rete, in effetti,  c'è scritto che la famiglia possiede anche una casa ai Parioli, noto quartiere per straccioni di Roma dove le case te le tirano dietro per la ridicola cifra di seimila euro al metro quadro.

Si potrebbe anche ipotizzare - per farci due risate - che l'austerità sia perseguita dai De Romanis e non per forza di cose dai Bini Smaghi. Scuserete se magari mi confondo con tutti sti cognomi, magari ho lasciato fuori Pico de Paperis, Paperoga e Ciccio di Nonna Papera. I De Romanis, però, secondo le cronache di dagospia non sarebbero proprio proprio molto austeri. Il cugino della Veronica economista, tale Carlo de Romanis, in occasione del suo ritorno a Roma da Bruxelles (?)  organizzò una festa divenuta celebre in tutta Italia e denominata dalle cronache del 2012 come la "festa dei maiali" con tanto di Ulisse che ritorna a casa e gente mascherata da porcellino .. costo 20mila euro. Insomma, amici, stiamo parlando di gente austera forte, in stile "du chinotti, 'n calippo e na bira".

La dottoressa De Romanis, però, non ha nulla a che fare col cugino e non è tipa da feste evocative (quello era il cugino), ma è una studiosa. Oltre che alla Sapienza, ha studiato alla Columbia University di New York, le cui tasse accademiche non  raggiungono nemmeno i 50mila dollari (senza tener conto di vitto e alloggio). Inoltre, ora che ha finito di studiare è lei che insegna, alla Stanford di Firenze e alla Luiss di Roma. Pensate, alla Luiss c'è una  sorta di contributo unico da pagare inferiore ai 10mila euro. E' una università privata, roba per gente frugale, per poveracci austeri, ovviamente.

Semmai, sono gli italiani che dovrebbero piantarla con tutto sto sperpero. Godono in media di uno stipendio di 1300 euro mensili, ma non si accontentano mica. Nossignori, e il governo dà loro altri 80 euro. Ottanta euro dati alla classe media (parole della De Romanis) e che gli italiani invece di spendere hanno messo sotto il materasso (c'è scritto così, in una intervista a linkiesta). Ma sapete alla fine dell'anno quanti soldi sono? Roba che potete comprarvi un intero biglietto da visita della contessa duchessa economista Veronica de Romanis Bini Smaghi Bellarmini.

Biglietto più lungo del mio tappeto in salotto, in effetti.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*