Leggere Libri è il Segreto delle Persone di Successo

Quando si scrive di crescita personale, di successo, i lettori drizzano immediatamente le antenne. Si sta finalmente parlando di loro e delle loro vite, magari ci scappa qualche consiglio efficace aggratis, forse arriva la dritta che consentirà di svoltare nella vita. Eppure le ricerche fatte in questi anni sul tema sono abbastanza ovvie e dicono tutte la stessa cosa: "punta sulla tua formazione individuale", "aggiornati continuamente", "appassionati alla tua attività" ecc ecc. Il problema è che spesso queste analisi non si traducono quasi mai in una indicazione operativa più precisa. E allora ci provo io a scriverlo in modo inequivocabile, anche sulla scorta delle ricerche effettuate:

le persone che hanno successo nella vita sono normalmente dei forti lettori e arrivano a leggere un libro alla settimana, cioè più di 50 libri in un anno.

Facile no? Direi che non occorre frequentare corsi costosi di automativazione, non serve guardare milioni di tutorial su youtube, nè comprare la biografia di Steve Jobs! E' chiaro il concetto? Mi racccomando amici, è il vostro guru che vi parla, non ci sono scuse, ok? Ve l'ho scritto chiaro e tondo: DOVETE LEGGERE ALMENO 50 LIBRI IN UN ANNO.

Ecco, ci rivediamo nel 2018 e mi dite quanti ne avete letti, che così ci facciamo due risate nel forum. Se comunque, qualcuno nutre dei dubbi su quanto ho appena affermato, bisogna ficcarsi in testa una volta per tutte una triste realtà: non si può pretendere che una cosa - che ti va storta - cominci invece a funzionare se la fai sempre allo stesso modo. Certo, c'è sempre il culo, che qualche benpensante insiste a chiamare fortuna, ma si tratta di una parte del successo che non possiamo controllare e, quindi, a che scopo parlarne? Mentre della preparazione si che possiamo discutere, e su quella la nostra volontà gioca un ruolo fondamentale.

Inoltre, interviste, biografie, autobiografie concordano tutte su un elemento: la stragrande maggioranza degli uomini (e donne) di successo sono avidi lettori.  Secondo il New York Times, Steve Jobs aveva un’ossessione per i poeti inglesi, in primis William Blake ed è nota la sua ossessione per la calligrafia, per la quale fece una serie di corsi al Reed College di Portland. Phil Knight, fondatore del brand sportivo Nike, venera a tal punto la sua libreria, che gli ospiti sono costretti a visitarla scalzi. David Rubenstein, co-fondatore di The Carlyle Group, un private equity che gestisce quasi 154 miliardi di $ (sì, hai letto bene, miliardi), ha l’abitudine di leggere una dozzina di libri… a settimana! Non dimentichiamoci poi Winston Churchill, il carismatico primo ministro inglese durante la seconda guerra mondiale, che vinse il premio nobel, non per la pace (come molti credono), bensì per la letteratura. In questo blog ho parlato diverse volte di Henry Kissinger e di  Vladimir Putin, entrambi strateghi e avidi lettori. Non mancano anche quelli che si vantano di non leggere libri, per carità, e cito a solo esempio i fondatori di google, ma stiamo parlando di eccezioni che, com'è noto, confermano la regola (tra l'altro le vere entrate di google si basano sulla scrittura e la lettura, alla fin fine).

Ora guardate attentamente questa ipnotica fotografia e vediamo se riconoscete l'oggetto.

Si. Indovinato. Si tratta di un fottuto fidget spinner. Questo l'ho comprato io a mio figlio, ma ne ha altri 6. Ne aveva 8 in tutto, ma uno glielo hanno appena fregato al centro estivo (nota di redazione per il giovane ladruncolo: almeno stavolta sarà tua madre a dovermi pagare!).

Perchè ho messo l'immagine di questo tormentone 2017? Come forse saprete, gli spinner sono delle puttanate in plastica e acciaio che costano dai 2 ai 20 euro e non c'è bambino-ragazzino, ma talvolta anche adolescente che non ne abbia almeno uno in casa. In media costano 5 euro e tutti i genitori, nonni e zii comprano questo inutile e stupidissimo oggetto con una facilità estrema, come se fosse regalato. Uno si dice: "sono solo 5 euro, che me frega?"

Bene. In qualsasi libreria indipendente troviamo libri a 1, 2, 3, 4, 5 euro a salire. Quanti ne comprate per voi e per i vostri figli? Come oramai sanno anche i sassi, quest'anno ho pubblicato un libro che vendo su Amazon a meno di 5 euro, e tutti a dirmi: "se arrivi a venderne 100 sei un miracolato", "senza editore non si vende neanche una copia" ecc ecc

Adesso che ne ho venduti ben più di 100 tutti a darmi pacche sulle spalle e a sgranare gli occhi e a dirmi: "bravo!" Lo hai promosso molto bene..."

Quando sento ste cose rimango davvero perplesso: "Ma come - rifletto tra me e me - un ebook costa dai 99 centesimi ai 10 euro (quando va male). Nelle librerie online ce ne sono di ottimi, anche di grandi nomi ... e la gente non li compra a tonnelate? Eppoi, non batte ciglio per spendere 5 euro per un pezzeto di plastica che gira attorno a sè stesso?"

Scusate se faccio il moralista, ma non chiedetemi più perchè non si fa la rivoluzione! Vedo coppie che per un aperitivo  in centro a Milano si fanno inculare 16 euro e poi per comprare un libro da 12 euro da leggere al mare girano 20 librerie per vedere se lo trovano a 11... non scherzo: queste sono cose che mi creano allucinazioni.

Se pensate che oggi sia in vena di farvi la predica, però, vi sbagliate di grosso: gli italiani leggono molto meno che in altri Pesi, è ampiamente dimostrato e questo è uno dei  tanti motivi per i quali siamo messi come siamo.

In questa infografica, finalmente abbiamo alcuni dati precisi sulle ore settimanali che un cittadino dedica alla lettura, paese per paese:

 

Due cose saltano immediatamente all'occhio. La prima è che sono i paesi emergenti a farla da padrone. In India le persone spendono in media 10.43 ore della loro settimana a leggere, seguita da Thailandia, Cina, Filippine, Egitto e Russia.

La seconda cosa che notiamo è che il dato dell'Italia manco è riportato nella mappa, tanto è basso. Il dato italiano più recente lo troviamo sul sito efficacemente.com e lo riporto testuale:

"Quanti libri hai letto nell’ultimo anno? Cinquanta? Dieci? Uno? Nessuno?! Secondo l’Istatpiù della metà degli italiani, per l’esattezza il 53,2%, non ha letto neanche un libro nei 12 mesi precedenti l’intervista. Non solo, appena il 15,1% degli intervistati ha letto almeno un libro al mese, circa 12 in un anno."

Dalla lettura di questi drammatici dati si comprende molto bene che chi riesce a leggere un libro alla settimana, nella vita, avrà una marcia in più. Specialmente in italia.

“Le persone di successo hanno l’abitudine di fare ciò che le persone comuni non amano fare.”

1 Commento

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*