L’Italia ha vissuto AL DI SOTTO delle sue possibilità

Uno dei vantaggi del mio lavoro è quello di girare spesso per le grandi città internazionali e di passarci anche diversi giorni, costretto a documentarmi e ad usare i servizi pubblici per risparmiare. Inoltre, caso vuole che alcune città ormai le abbia visitate più e più volte. E' per questo che posso dire con assoluta serenità che il luogo comune per il quale  "l'Italia è il Paese più bello del mondo" è il più veritiero che ci sia. Non c'entrano un tubo i ricordi personali, gli affetti, l'istinto ed il cordone ombelicale: l'italia è oggettivamente il Paese più bello del mondo e chi sostiene il contrario è perchè ne ha una conoscenza molto superficiale. Gi stranieri non si permetterebbero mai di dirlo, la stragrande maggioranza lo sa benissimo che il loro luogo d'origine, rispetto all'Italia, è una cloaca, e per quanto nazionalisti possano essere, mai sentirete dire che l'Italia non è bella.

Sono appena tornato da Napoli, città che molti italiani e molti stranieri considerano un immondezzaio invivibile. C'ero stato almeno altre 5 volte. Il turismo del Golfo è quasi tutto straniero: i media hanno detto agli italiani che Napoli è pericolosa, che ti stuprano, che ti scippano coi motorini, che ti imbrogliano di sicuro e che è piena di immondizia. Dunque, al massimo ci si va con la gita della scuola, protetti da professsori e touring operator, come fosse una crociera sul Nilo. Da adulti, con i bambini piccoli al seguito, invece, ci vanno quasi esclusivamente americani, inglesi, spagnoli (e chissà come mai)

La realtà è che a Napoli sembra di essere dentro un film e che ogni cosa è di una bellezza irripetibile. La mia guida alla città sotterranea - Francesco - quasi aveva le lacrime agli occhi mentre spiegava come i napoletani di tremila anni fa avessero costruito la città scavando nel tufo fino a 40 metri di profondità e portando blocchi di quintali in superfice, morendo a centinaia, salendo e scendendo nelle viscere della terra senza alcuna sicurezza. Ai Campi Flegrei, a Pompei, al castello del Maschio Angioino, dopo i racconti delle guide, ti dispiace di non essere napoletano. Ti sembra quasi di doverli invidiare. E sono tutte guide che raccontano aneddoti personali, fanno battute, uno si è messo anche a cantare. Al British, al Louvre, al Museo di Sissy, invece, sono solo capaci (al triplo del costo) di rifilarti una fottuta, impersonale e noiosisisima audioguida coi numeretti da pigiare.

E ho preso Napoli ad esempio solo perchè l'ho appena visitata e perchè viene dipinta sempre malissimo, ma cosa si potrebbe dire del resto d'italia? Non basterebbero tutti i blog del mondo.

A cosa è dovuta questa bellezza? Il paesaggio naturale, senza dubbio, ma allora anche la Grecia o la Spagna o la Tunisia dovrebbero essere così. E invece non lo sono manco per niente. La Tunisia o la Francia stanno all'Italia come una busta di fave sta a Belen Rodriguez, pur avendo anch'esse paesaggi naturali di pari dignità. Non è solo una questione di paesaggio, ma è soprattutto una questione di storia, di lavoro impiegato e di tanta ricchezza prodotta in questi secoli di civiltà e di fatiche dei nostri progenitori. Ancora oggi, la Pompei degli scavi archeologici è una città dalla struttura intelligente, molto più di tante cittadine - anche nuove - realizzate in giro per il mondo e invivibili per posizione e rete viaria.

Come mai gli italiani avevano ponti, acquedotti, ville mastodontiche, fontane e strutture termali migliaia di anni fa, quando nel resto del mondo non c'era un emerito cazzo?

Perchè erano ricchi...

Non c'è un'altra risposta. Erano mediamente molto più ricchi e più colti di tutte le altre civiltà, anche di quella greca, per il semplice fatto che quella italiana durò molto più a lungo, se consideriamo - dopo i fasti dell'Impero romano - anche il dominio mondiale della Chiesa, il Rinascimento e Venezia. Ancora oggi, dopo essere diventati colonia americana e dopo che ci hanno affamati, gli altri Stati non riescono a raggiungere un tale grado di bellezza. Il che, se pensiamo all'evoluzione tecnologica che c'è stata, ha davvero dell'incredibile. Eppure ci raccontano, con riferimento agli ultimi 50 anni, che solo per il fatto di avere un lavoro, un mutuo per la casa e la pensione noi italiani "siamo vissuti al di sopra delle nostre possibilità"

Ma è vero proprio l'opposto: la civiltà più ricca del mondo con le sue bellezze naturali, agricole, produttive e monumentali ha permessso ai suoi cittadini solo un lavoro dipendente e una pensione. Questo significa vivere AL DI SOTTO delle proprie possibilità, e non al di sopra. Oggigiorno, il Paese che al mondo offre la ricchezza maggiore ai suoi cittadini è la Svizzera. Parliamoci molto chiaramente: in Svizzera ci sono 4 mucche e 3 galline, e non necessariamente in quest'ordine. Ci sono scomode montagne e le città hanno edifici e monumenti risibili rispetto ai nostri. Il successo della Svizzera è dovuto a 3 cose:

  1. sono democratici nel senso "greco" del termine. Le decisioni le prendono assieme a livello locale. Nemmeno in condominio puoi entrare, se il resto dei condomini ti giudica sfavorevomente
  2. sono FUORI dall' Unione Europea
  3. conoscono la finanza

Sul punto 1 e 3 arrancheremo sempre, ma il punto 2 sarebbe così facile da risolvere a nostro favore. Tornando però al tema, mi rendo conto che l'esempio "turistico" può apparire limitante: vogliamo allora passare all'agricoltura italiana?

L’Italia è lo 0.5% della superficie del mondo, con 14 milioni di ettari coltivati su 800 milioni. Eppure rappresenta, senza se e senza ma, l’eccellenza dell’agroalimentare nel mondo. E' l’unico luogo al mondo dove l’incontro tra i venti del mare dal Sud e quelli delle montagne del Nord produce un microclima unico. Abbiamo 7 mila specie di flora vascolare e di vegetali mangiabili (il secondo Paese al mondo, ne ha solo la metà, 3.300), abbiamo 58 mila specie animali (il secondo paese al mondo ne ha 20.000), abbiamo 1.200 vitigni autoctoni (il secondo ne ha 222), abbiamo 533 cultivar di ulive (il secondo Paese al mondo ne ha 70). E si potrebbe andare avanti. Però, per lo scemo del villaggio, viviamo al di sopra delle nostre possibilità"

Vado avanti? Vado avanti.

L'Italia è la seconda manifattura d'Europa. Con una moneta, l'euro, che è unica solo per lo schifo che fa, riusciamo comunque ad essere saldamente sul podio a fronte dell concorrenza di altri 27 paesi. Come dite? La Germania produce di più? Già, i tedeschi ci battono, ma c'è un particolare che solo malafede e ignoranza possono trascurare: i tedeschi sono 80 milioni, mentre gli italiani 60. Detto diversamente, se proporzionassimo la produzione al numero di abitanti, anche in questo settore (dopo aver preso merda nel turismo e nell'agricoltura) i tedeschi mangerebbero la polvere.

Chiudo con parole non mie, ma di Gianluca Baldini, parole sante che non posso che sottoscrivere come fossero mie:

"A dispetto della retorica pro-austerità che ha accolto la narrazione distorta della storia degli ultimi anni, noi non abbiamo affatto vissuto "al di sopra delle nostre possibilità", né in termini individuali, né considerando le finanze dello Stato. Questo mantra, tornato in auge dopo un'intervista rilasciata da Angela Merkel nel 2012 a BBC news che apostrofava i PIIGS come spendaccioni, trova spesso conforto nella fallace lettura della dinamica del debito pubblico esploso negli anni '80 e viene condita con l'aneddotica abituale che descrive l'Italia come paese dei balocchi, in cui falsi invalidi, evasori totali e dipendenti pubblici nullafacenti vivono allegramente alle spalle della collettività.

L'Italia è stata ed è ancora oggi il paese con il più elevato livello di risparmio privato, tanto in termini monetari quanto sotto forma di patrimonio immobiliare. Tra i big players europei è il paese con il più basso debito privato e anzi, se escludiamo i paesi dell'ex URSS, possiamo dire che l'Italia è in assoluto il paese col più basso debito privato d'Europa e dunque dell'occidente industrializzato.

Se consideriamo questi dati e forniamo una lettura oggettiva alla dinamica del debito degli anni '80, che è cresciuto per la componente interessi e non già per un aumento della spesa pubblica e, a ciò, aggiungiamo che siamo il paese che da ormai 25 anni circa registra le migliori performance sui conti pubblici realizzando sistematicamente avanzi primari, possiamo concludere che siamo evidentemente l'unico paese che ha davvero vissuto al di sotto delle proprie possibilità.

Il nostro risparmio privato basterebbe per pagare 5 volte il debito pubblico e 2,5 volte il debito complessivo (cioè pubblico+privato). Non credo esista un altro paese al mondo così affidabile da questo punto di vista.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*