Dall’Inghilterra, il grafico dell’anno

Ogni anno mi diletto a individuare l’infografica dell’anno, o il grafico dell’anno, secondo il mio insidacabile giudizio. Quando la Borsa americana verrà giù (a breve) forse cambierò il titolo a questo post, ma per il momento non avrei proprio dubbi.

The winner is …

Si tratta della rappresentazione grafica dell’andamento del Prodotto Interno Lordo inglese degli ultimi 10 anni. Come si può notare, nell’ultimo anno, e cioè dopo che gli inglesi si sono espressi per l’uscita dall’Unione Europea tramite referendum, il pil ha registrato una crescita del tutto in linea con quella dell’anno precedente (quando nessuno avrebbe scommesso un soldo bucato sulla Brexit). Non solo, dunque, il più importante degli indici economici che ci esista, il PIL, non è mai andato sotto lo Zero dopo il referendum, ma guarda col binocolo le prestazioni modeste del 2012, quando il paese della Regina era ancora “sotto” i tecnocrati di Bruxelles. Già lo so che secondo molti fan del remain questi dati non digeriscono ancora la completa uscita dell’Inghilterra, visto che le trattative politiche sono in corso in queste settimane, ma tutti sanno che produzione e mercati vivono di aspettative e anticipano sempre l’economia reale. Su base annua, il pil inglese dovrebbe attestarsi sull’1,7 con previsioni di crescita nel 2018 a 1,8. Per chi, come lo scrivente, lavora per la fine dell’Unione, questo è il miglior grafico in circolazione: god save the brexit!

1 Commento

  1. Bah! Più ne leggo e meno ne capisco!!
    L’unica cosa che mi pare emerga è che non c’è stato il collasso dell’economia albionica (per ora). Rimane però il fatto che che “l’Inghilterra è l’unico paese dei G7 a non crescere rispetto all’anno precedente (meno 0,3) ed è l’unico per il quale le stime di crescita sono state riviste al ribasso” [Claudio Cerasa – Il Foglio del 2-3 settembre 2017].
    E poi, anche ammettendo che la dipartita degli anglosassoni sia stata la scelta giusta, siamo certi che ciò che può permettersi la Grande Britannia possa giovare alla nostra diletta Italietta?
    Quod licet Iovi non licet bovi.

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.