Il capo della Bundesbank si lascia scappare cosa vogliono i tedeschi dall’Italia

Dev'essere proprio un mondo schifoso quello che mi costringe a dare ragione ad Enrico Letta. Eppure, dichiarando che sarebbe un disastro se il capo della Bundesbank Weidmann dovesse sostituire Draghi, l'ex premier ha perfettamente ragione. Da qualche tempo i tedeschi hanno fatto trapelare l'ipotesi e l'interessato stesso non ha smentito questa possibilità nell'intervista appena rilasciata alla Rai.  Già il fatto che l'unica intervista rilasciata da Weidmann sia stata ai media italiani la dice lunga sull'avanzamento del progetto e infatti Weidmann ha lanciato un messaggio piuttosto chiaro su cosa dovrebbe essere fatto nei nostri confronti.

E cosa diamine avrà mai il presidente della Bundesbank che non va? La fiatella? Gli puzzano i piedi? Ha le chiappe chiacchierate? Strozza le vecchiette per hobby? Se fosse solo per queste cosucce non sarebbe tanto diverso da un Brunetta qualsiasi, il guaio è che Jens Weidmann conserva dell'Italia l'immagine stereotipata trasmessa dai film americani degli anni Cinquanta (pizza, mafia e mandolino), ma soprattutto non si capacita di come questi cialtroni mediterranei possiedano una ricchezza privata media superiore a quella di un tedesco. Weidmann lo dice col sorriso tirato tipico dei primi della classe, ma lo dice chiaramente e proprio nell'intervista messa in onda ieri da RaiUno nella trasmissione di Lucia Annunziata.

«Sa che è stata fatta una ricerca tra i paesi dell'area euro nella quale si evidenzia che le famiglie italiane hanno più patrimonio delle famiglie tedesche? Non penso però che qualcuno auspichi un trasferimento di patrimoni dall'Italia alla Germania...»

Così ha detto Weidmann all'intervistatrice, sfoggiando un bel sorriso sarcastico. I passaggi dell'intervista sono piuttosto lunghi e numerosi e tutti i giornalisti, in queste ore, si stanno soffermando sulle dichiarazioni del Presidente della Bundesbank con riferimento al quantitative easing di Mario Draghi, che per Weidmann è stato un fallimento, o sulla necessità che l'Italia provveda quanto prima a ridurre il debito pubblico. Invece, il punto chiave è quello evidenzaito dal sottoscritto: LE FAMIGLIE ITALIANE HANNO PIU' PATRIMONIO DI QUELLE TEDESCHE!

E' di assoluta evidenza, per uno studioso del fenomeno capitalistico, che l'ultracapitalismo non può reggersi a lungo quando consente alla maggior parte della popolazone di tutelarsi attraverso il risparmio. Se ci facciamo caso, i paesi maggiormente capitalistici, come gli Stati Uniti, promuovono la spesa dei privati tramite carte di credito, tramite i "pagherò", ma non certo tramite il risparmio. E persino la prima casa è molto più tassata che in Italia. Lasciamo perdere le faraoniche idiozie che ha raccontato Berlusconi per anni, la verità è che nei paesi capitalistici i patrimoni sono riservati ai ricchi e che anche gli alti stipendi della middle class vengono puntualmente sputtanati in tasse, assicurazioni e cianfrusaglie da comprare (tipo il suv coi rostri per i bufali, anche se abiti a New York City).

Per gli americani avere una casa di proprietà (e non essere in affitto) vuol dire veramente avercela fatta nella vita. Difatti, a parte i ricchi ricchi, praticamente nessuno ne ha un’altra, la famosa seconda casa. Bene, ora guardatevi un po' attorno: quanti impiegati e operai conoscete, in Italia, che hanno una seconda casa? Io abito in Veneto e oserei dire, almeno una famiglia su tre. Ma al di là delle impressioni personali, quel che è certo, è che i tedeschi non sono nelle nostre stesse condizioni e non si capacitano del perchè, nonostante il loro efficentismo e i loro (ex) alti stipendi, siano più poveri degli italiani come beni rifugio accumulati. Ma Weidmann lo sa (welfare e tasse basse sul patrimonio) ed è lì che andrà a picchiare se diventerà il nuovo inquilino della Bce a Francoforte. Con Weidmann al posto di Draghi il debito italiano non avrà più alcuna copertura e diventerà facile occasione di vendite allo scoperto per gli speculatori. Il governo italiano, qualsiasi esso sia, dovrà porvi rimedio attraverso alte tasse sui patrimoni della classe media italiana, trasferendo di fatto quella ricchezza alle banche tedesche, finalmente monopolio del board della Bce. Se c'è una cosa bella dei tedeschi è che non sanno mentire. Purtroppo, troppi italiani non capiscono e non sanno trarre le conclusioni politiche dalle confessioni d'oltralpe.

3 Commenti

  1. “…trasferendo di fatto quella ricchezza alle banche tedesche ….”
    Può gentilmente spiegare questa affermazione? Grazie

    • in effetti può prestarsi a diversi significati. ad esempio, vuol dire che i grandi capitali, qualora tassati, escono dal paese, come accaduto in grecia, e finiscono o in mano americana o in mano tedesca, cioè nelle mani dei due principlai player finanziari di questi anni (inglese meno rilevante con brexit oggi, eppoi non ospita la bce…). In secondo luogo, ritengo che se le proprietà italiane vanno allo stato italiano per ripagare debiti pubblici, a giovanre nsaranno di riflesso i creditori che sono le banche italiane. tuttavia, le banche italiane sono ostaggio della finanza europea, in questa fase, che è monopolizzata dalla germania. spero di non essere stato troppo contorto, ma in effetti non è semplice

  2. Complimenti! Essere avvisati su finanza ed economia, sbellicandosi dalle risate per la Sua spassosissima ironia è la massima propizia circostanza che ci possa capitare per essere stati così fortunati da incappare in micidial.it.

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. Il capo della Bundesbank si lascia scappare cosa vogliono i tedeschi dall’Italia | IxR
  2. Il capo della Bundesbank Weidmann: “ecco cosa vogliamo dall’Italia” |

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*