Tracollo del mercato europeo nel 2018 per Jeff Gundlach

"Non sono un grande sostenitore delle obbligazioni in questo momento", può sembrare un modo strano di esordire per il cosiddetto Re dei Bond, ma in pubblico al Summit di  Vanity Fair, Jeff Gundlach, il boss americano di DoubleLine ha detto: "Mi metto al riparo. Sono stato davvero un fan dei bonds negli ultimi anni, pure li gestisco e le istituzioni devono possederli, per vari motivi , ma ora...".

Gundlach ha invitato gli investitori a stare "leggeri" sulle obbligazioni. Ha ammesso "Sono incastrato dentro il mio portafoglio", riferendosi agli investimenti sulle obbligazioni, aggiungendo che i tassi di interesse sono scesi e  cresciuti gradualmente solo negli ultimi sei anni.

Gundlach ha detto che il suo lavoro ora, a nome dei suoi clienti, "sarà quello di portarli dall'altra parte della valle".

Arrivano i giganti della finanza, in apparenza diretti verso inevitabili aumenti dei tassi di interesse. "Ecco perché sono ancora al tavolo da gioco - ammette il finanziere statunitense - voglio vedere come finisce il film ".

Ma non può finire bene. Per illustrare il livello di rischio dovuto al possesso di obbligazioni in questi giorni, Gundlach ha condiviso un grafico che mostra come gli investitori in obbligazioni "SPAZZATURA" europei sono disposti ad accettare lo stesso rendimento dei titoli di Stato del Tesoro americano considerati non a rischio default, sottolineando che questo fenomeno è stato causato dalla "MANIPOLAZIONE" dalle banche centrali.

In altri termini, la situazione finanziaria d'Europa è completamente artificiale ed i bonds peggiori rendono come i Treasury americani.  Nello specifico, i tassi d'interesse europei "dovrebbero essere molto più alti di quelli di oggi", ha detto, "e una volta che Draghi ne dovrà rendere conto, l'ordine del sistema finanziario verrà rovesciato, e non sarà una buona cosa".

Significa che tutta la liquidità che sta pompando i mercati sarà prosciugata nel 2018, perchè la manipolazione  non può reggere ancora per molto. La Bce di Mario Draghi ha pompato i mercati con 2100 miliardi di euro freschi freschi e questo ha contribuito ad abbassare a ZERO il rendimento dei titoli di stato dei maggiori paesi della Ue. Tuttavia, ha abbassato i rendimenti anche dei bonds spazzatura, portandoli a rendere un misero 2 per cento. Come se fossero dei bond sicuri!!! E invece non lo sono manco per niente...

"Le cose prima o poi scendono, e noi abbiamo vissuto in un mercato artificiosamente gonfiato per titoli e obbligazioni in gran parte del mondo ".

"Il mio lavoro è quello di scovare le cose più spaventose", ha sottolineato, "il mio compito è cercare di scoprire che cosa può andare male, non coprirmi le orecchie per non sentire il rumore. Meglio tenere gli occhi aperti. " (fonte: Zero Hedge)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*