Cosa fa un Risparmiatore durante il Black Friday?

Nulla! Un risparmiatore davvero in gamba non fa assolutamente nulla quando ci sono saldi, sconti particolari, negozi in chiusura definitiva o americanate demenziali come il Black Friday.

Vi racconto un breve aneddoto personale sulla questione del risparmio. Diversi anni or sono, quando decisi di acquistare la mia abitazione principale, ricordo che l'agente immobiliare al momento di redigere il contratto preliminare, mi chiese con quale banca avessi da contrarre il mutuo per l'acquisto. Lavoraravo con regolarità da pochi anni, e mi ero laureato in filosofia 10 anni prima, dunque la domanda dell'agente dovette sembrare ovvia,  scontata: giovane età, una laurea "debole", pochi anni di lavoro a tempo indeterminato ... costui  farà senz'altro un mutuo. Quando risposi che pagavo senza contrarre alcun mutuo, il proprietario dell'immobile, che era presente in agenzia, mi chiese con molto stupore se per caso i soldi non me li avessero dati i miei genitori, ed io risposi di no. Entrambi i miei intelocutori allora  si guardarono ammirati e abbassando gli angoli della bocca esclamarono: "però... senza mutuo". All'aneddoto, aggiungo che il mio lavoro non mi consente e non mi consentiva di accedere a grosse entrate. Il reddito di un dipendente comunale (quello facevo all'epoca), sfiora il ridicolo. Com'è stato allora possibile?

Sarà banale dirlo, ma io fin da ragazzino ho maturato una mentalità del risparmio di vecchio stampo, che non mi consente di fare "passi più lunghi della gamba", nè trovare sfogo alle mie frustrazioni con il consumo ossessivo-compulsivo. Molti sono come me ed hanno tale mentalità, questo è chiaro, ma non basta, occorre anche aggiungere un "metodo" a questo modo di ragionare.

Ed ecco che entra in gioco il black friday. Per chi ancora non lo sapesse, si tratta di un periodo dell'anno (venerdì nero successivo al giorno del Ringraziamento in America, ma allargato anche ai giorni vicini), durante il quale le grandi catene sono solite offrire in questa occasione notevoli ed eccezionali promozioni al fine di incrementare le vendite: per questo motivo tra le persone che fanno acquisti in occasione del Black Friday una buona parte trascorre la notte fuori dal negozio in cui vuole fare acquisti il giorno successivo aspettando l'apertura delle porte. "Nel 2013 - scrive wikipedia - negli Stati Uniti sono stati spesi 57,4 miliardi di dollari in un solo giorno da più di ottanta milioni di persone: per offrire un paragone è come se l'intera popolazione della Germania fosse andata a fare acquisti nello stesso giorno".

IL MIO METODO

Mi riservo di parlarne con cura e rigore in altre occasioni, anche per non sembrare un taccagno, che non sono affatto. Per quel che posso dire relativamente ai periodi di saldi, affermo tranquillamente che non vado nemmeno a vedere di cosa si tratta. Me ne frego TOTALMENTE.

Mi fa sempre sorridere chi si vanta pubblicamente di aver ottenuto quel particolare sconto grazie alla propria astuzia, alla propria capacità contrattuale, oppure chi afferma di essere un cacciatore di sconti e appena vede che possiedi un televisore identico al suo fa di tutto per capire se lo ha pagato MENO di te. Questo "stile" di risparmio non è efficente. Anzi, per molti punti di vista, sfiora il patetico.

Il sottoscritto, invece, fissa un budget settimanale, uno mensile ed uno annuale. Questo bilancio viene fatto, ovviamente, sulla scorta di un calcolo approssimativo, che non può tener conto delle ecccezioni per ovvi motivi, ma che nel tempo si rivela piuttosto ponderato e preciso. Lo scopo è quello di programmare quanto si vuole risparmiare. Se, ad esempio, intendo acquistare una nuova automobile per l'anno 2018 ed intendo spendere 30mila euro al massimo, allora a partire dal 2017 studierò il modo affinchè ciò avvenga. Troverò i modelli che entrano in questo target di mercato, vedrò quali sono compatibili con le mie esigenze e poi mi metterò alla ricerca del concessionario più affidabile e che fa prezzi migliori. Se, nel giorno di un black friday qualsiasi, dalla televisione o dalla Rete mi dovessero proporre un modello di automobile che, di norma, vale a mercato 50mila euro e me lo possono vendere a 40mila perchè c'è il black friday, io NON lo acquisto. Non lo acquisto nemmeno se penso di poterlo rivendere a 40mila un anno dopo; non lo acquisto nemmeno se penso che sia un mezzo di trasporto più comodo di quello che avevo prescelto; non lo acquisto nemmeno se suscita in me particolari emozioni, e non lo acquisto nememno se ho avuto entrate supplementari inaspettate che mi consentirebbero di acquistare anche una Ferrari. Si era stabilito 30mila prima? E che 30mila euro di spesa siano! E me ne frego anche di chiedere uno sconto, se quel giorno non ho voglia di discutere.

Vi sembra un metodo troppo semplice? Si, lo è, c'è molto altro da dire, ma per il momento è più che sufficiente per far capire la differenza che passa tra un risparmiatore consapevole ed un illuso.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*