Beppe Severgnini è più bello che intelligente

Il prezzemolino televisivo che non sa fare nulla, al secolo Beppe Severgnini, poco fa a Ottoemezzo a dichiarato:

“Se l’Italia non spiegherà bene il suo atteggiamento filorusso e le sue simpatie per Vladimir Putin, verremo messi da parte dall’Europa che conta”.

A parte il fatto che i contatti degli italiani con la Russia rasentano lo zero. A parte il fatto che l’Italia ha aderito al sistema delle sanzioni a Mosca. A parte il fatto che Putin in questi mesi ha girato il mondo, tranne che in Italia. A parte il fatto che gli italiani – mediamente – confondono Putin con Daniel Craig. Dicevamo, a parte tutto questo, ma magari in questo Paese si sviluppasse un atteggiamento filorusso! In Russia adorano l’Italia. Vanno pazzi per la nostra musica tradizionale e le nostre opere d’arte. Sarebbe fantastico se nascessero veri rapporti di collaborazione, trattandosi di un paese-continente che possiede e gestisce in autonomia più risorse energetiche di tutta l’Europa e gli Stati Uniti messi assieme.

Comunque, visto che l’inutile Severgnini parla di “Europa che conta”, possiamo allora anche vederli in chiaro i fantomatici risultati dell’Unione, in comoda scheda:

RIDUZIONE DEI SALARI MEDI dal 2010 al 2017 nella UE

Greece -19.1%

Cyprus -10.2%

Portugal -8.3%

Croatia -7.9%

Spain -4.4%

Italy -4.3%

UK -2.4%

Belgium -1.1%

Finland -1%

Altri 7 anni così e Putin potrà venire in Italia solo per praticare sci alpino e conferire i suoi rifiuti tossici, perchè ad abitare non ci sarà rimasto più nessuno.

Per convincere i più scettici sulla veridicità di questi dati, diciamo subito che la fonte non è micidial, ma il miglior sito web di statistiche al mondo, originalmente battezzato “statista“.

Non si capisce davvvero perchè persone come Severgnini, che si è prevalentemente occupato di costume e della lingua inglese, debba essere considerato un opinionista credibile e possa fare di queste sparate in prima serata contro la seconda nazione più potente del mondo. Speravamo che i tempi della Alba Parietti fossero finiti, almeno quella si faceva guardare…

Qualcuno obietterà che si tratta pur sempre di un giornalista iscritto all’albo, ma di questi tempi dovrebbe essere considerato un disonore, una cosa di cui vergognarsi.

In questa pratica ricerca, si capisce al volo perchè i giornalisti italiani ce l’hanno tanto con la controinformazione internettiana. E noi che ne siamo i pionieri ed i protagonisti, non possiamo che goderne perpetuamente:

Dopo aver cannato sulla brexit e su Trump dobbiamo ancora sorbirci i giornalisti “soloni” alla Severgnini. Per grazia di Dio portano iella … a se stessi.

4 Commenti

  1. Cavolo!
    È sbalorditiva la caduta delle vendite di tutti i giornali!
    Qual è la fonte?
    Mancano i dati de “Il Foglio”.
    Forse sono aumentate le vendite delle versioni on-line.
    Come mai l’Espresso è sceso solo del 36 % ?!

  2. Severgnini l’anno scorso ha partecipato al meeting annuale a porte chiuse del famigerato “Gruppo Bilderberg” che altro non è che un think tank della NATO a comando americano, ecco qui un articolo molto interessante a tale proposito!!

    Quel che non sapete del Gruppo Bilderberg
    di Thierry Meyssan

    Per diversi anni, s’è diffusa l’idea che il gruppo Bilderberg sia un governo mondiale in embrione. Avendo avuto accesso agli archivi di questo club molto segreto, Thierry Meyssan dimostra che questa descrizione è un diversivo usato per mascherare le vere identità e funzione del Gruppo: il Bilderberg è una creazione della NATO. Mira a convincere i leader e attraverso di loro, a manipolare l’opinione pubblica, per farla aderire ai concetti e alle azioni dell’Alleanza Atlantica.

    http://www.voltairenet.org/article169373.html

    Pure Maurizio Molinari, direttore de “La Stampa” ( alias “La Bugiarda”!) ha partecipato a quel meeting, stessa identica cosa avevano fatto in tempi recenti sia la Gruber che Mentana!!

    Sò soddisfazioni professionali, non c’è che dire……..!!

    Complimenti per l’articolo e cordiali saluti.

    Fabrice.

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.