L’America spende in armi dieci volte più della Russia

A quanto pare, gli hacker russi e le spie del Cremlino vengono oramai usati anche per fare la pasta carbonara, lavarsi i denti e sturare i lavandini di Mosca (in quest’ordine?).
La stampa occidentale non parla d’altro da settimane e il Congresso di Vien, ehm, l’Unione Europea, continua ad esercitare la propria pressione sulla Russia, ritirando  diplomatici per solidarietà con Londra.
Nel frattempo, però, gli analisti della rivista specializzata Bilancio Militare pubblicano tutti i dati sulla spesa militare delle nazioni del mondo e… sorpresona! La Russia – che è grande due volte gli Stati Uniti – spende dieci volte di meno in armamenti. Insomma, se c’è un pericolo di morte nel mondo, se ci sono dei guerrafondai che vogliono distruggere il pianeta, per la matematica sono gli Stati Uniti.
L’Istituto Internazionale per gli Studi Strategici compie 60 anni di attività, ed è la miglior fonte che si possa trovare in campo militare. Nella sezione del succitato “Bilancio Militare” pubblica annualmente i report in modo molto dettagliato, che sono però a pagamento. La rivista online include i nuovi ordini di armi e grafica delle consegne, infografiche incentrate sulla modernizzazione delle forze strategiche in Cina, Russia e Stati Uniti e testi tematici sulle armi lanciate dall’aviazione cinese e russa, sull’intelligenza artificiale e sulla difesa e sulla forza strategica della Nato e della Russia.
Questo è l’ultimo studio pubblicato e relativo all’anno 2017. E’ fatto con grafici semplici, a “torta”, dunque comprensibili anche agli ottusi liberisti che popolano il nostro paese:
 
La differenza tra i miliardi di dollari impiegati dall’America in armi di distruzione di massa e quelli impiegati dagli altri paesi fa sembrare Kim Jong Un madre Teresa di Calcutta.
Non solo: nel 2014 la spesa americana era sui 500 milardi e nel 2015 è salita a 597. Da un paio d’anni ci troviamo stabilmente sopra i 600 miliardi, certificando l’up trend della spesa pubblica a stelle e strisce nel settore delle armi.
Intanto, l’Italia ha deciso di espellere due diplomatici russi in linea con le decisioni di Bruxelles.
Dopo l’arresto di Pinocchio da parte dell’Arma dei Carabinieri nel secolo scorso, si tratta senza dubbio della decisione più intelligente intrapresa dalla Farnesina in terma di Difesa nazionale.
 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.