Che fine ha fatto Paolo Barnard?

Dal 22 marzo, il più noto attivista antitroika italiano, al secolo Paolo Rossi Barnard, non aggiorna più il suo sito. Segno inequivocabile che qualcosa è successo. Uno dei suoi più attenti collaboratori, il blogger e debunker Nicolas Micheletti, ha fornito questa spiegazione sul suo profilo facebook:

Ricevo ogni giorno decine di richieste su che fine abbia fatto Paolo Barnard.

La risposta: Barnard pensa che non abbia più senso lottare ormai. Voleva scrivere un articolo al riguardo, ma trova inutile scrivere anche quello.

Non è la prima volta che siamo a questo punto, è vero. Ma ogni volta l’ho ritirato in sella, io, a forza. E stavolta io stesso credo di non farcela più.

La verità è che la situazione è delle peggiori.

– I “sovranisti antisistema” sono scomposti in centinaia di gruppi pilotati da ingenui o arrivisti, in ogni caso primedonne.
– I “sovranisti istituzionali” per ora stanno solo prendendo (perdendo?) tempo, e tempo non c’è più.
– Il tessuto economico italiano non è più quello del 2011.

Se uscire dall’euro senza la MMT nel 2011 era pericoloso, farlo oggi potrebbe essere un suicidio. Paradossalmente potrebbe essere più fattibile riformare l’UE democratizzandola che recuperare la sovranità e rialzare economicamente il Paese.

Il popolo italiano è un popolo che si fa investire dagli eventi, non li cambia. Non abbiamo mai sviluppato un sano patriottismo che può aiutarci a difenderci. L’unica cosa che hanno guidato i nostri capi è sempre stato l’interesse economico personale. E tranne qualche raro genio che tutto il mondo ci invidia la massa è sempre stata capace solamente di belare.

Non ho altro da dire. (N. Micheletti

In un recente passato, e dopo una lunga fase di “innamoramento”, ho scritto diversi pezzi polemici, aspri e fortemente critici CONTRO Paolo Barnard. Tutti quegli approfondimenti avevano visto giusto: il principale divulgatore italiano delle teorie keynesiane e della mmt sbaglia strategia. Non pensa minimamente al fatto, tra le altre cose, che prima di riuscire ad unificare l’Italia, nel 1861, i patrioti si erano mossi fin dall’inizio del XIX secolo, cioè 60 anni prima… e non solo 7-8 anni prima. Gli attivisti della mmt ed i sovranisti italiani sono in circolazione da poco più di un lustro, altro che decenni! E la Rivoluzione russa? A me risulta che dalla pubbblicazione del Manifesto di Marx ed Engels (1848), all’assalto a Palazzo d’Inverno (1917) siano passati la bellezza di 69 anni… Insomma, cari amici, la strada è appena iniziata, ma moltissimo è stato già fatto, anche bruciando le tappe. Basti solo pensare a fenomeni come Brexit, Trump, elezioni italiane. Non è così dirimente che siano stati dei semifallimenti: questo euroscetticismo diffuso tra le coscienze era impensabile solo fino a 5 anni fa.

Ma non voglio prendermela – qui ed ora – col proverbiale pessimismo di Barnard e dei suoi collaboratori. Il nichilismo che talora lo stravolge è connaturato più al suo carattere che al reflusso dei sovranisti. In queste poche righe voglio solo dirgli – se per caso mi legge – che gli voglio molto bene e che anche se smetterà di proporci le sue analisi io non lo dimenticherò mai. Come avviene per tutti i casi di amore, quelli non corrisposti sono quelli più formativi. E indimenticabili.

10 Commenti

  1. Si ma oggi non siamo piu’ ai tempi degli Zar e di Marx, oggi c’è internet ed il processo sara’ piu’ rapido.
    Quanto al sovranisti prime donne ha ragione! E’ tempo che lo dico e tutte queste prime donne hanno rotto il cazzo!
    Comunque Paolo non deve smettere di lottare! Noi gli siamo vicini,
    E’ una pietra miliare, una cometa, un pade! per quanto ci ha dato.
    Paolo, continua la lotta con noi! Abbiamo forte bisogno di te!

      • quindi, secondo te – con i miliardi della finanza che ci sono in gioco e con gli americani di mezzo che temono un’emancipazione degli stati europei dal patto atlantico – dovremo già esserne fuori perchè Barnard ha parlato chiaro da Paragone 3 anni fa? Suvvia…

  2. Paolo dove cazzo stai!!!
    Esci dal buco! abbiamo bisogno di te! di un capo per condurre la lotta!! Noi la continueremo anche senza di te, ma andremo al massacro certo!! non importa! ma tu vieni con noi, ti porteremo noi sulle spalle. Paolo, meglio morire in battaglia che su un letto sdraiati con le vene tagliate.
    RIALZATI!!

  3. Spero di poterlo leggere ancora, aspettavo ogni giorno i suoi articoli condividendo il suo pessimismo verso la gente.
    Adesso c’è un vuoto, grande, molto grande.
    Così non va bene, nessuno lo può rimpiazzare.

  4. Lo 0,2% di chi legge, crede di capire ciò che scrive Paolo Barnard ma Paolo Barnard capisce come è composta la popolazione? Perché quello che scrive non riesce a far breccia sulla gente, il suo narcisismo gli impedisce di uscire dal suo personaggio e capire che noi siamo nati limitati e ci meritiamo ciò che abbiamo. Se vuol far progredire la popolazione si deve studiare un metodo e una strategia e capire che la sta insegnando a persone limitate e piene di pregiudizi.

  5. Ho sempre letto volentieri le analisi di Paolo Barnard che reputo utili ed interessanti ma che reputo non certo sempre esatte. Peccato non scriva più forse il voto del 4 Marzo lo ha sconfortato ma qualunque esito,bene o male non avrebbe potuto che fare il medesimo effetto. Spero stia bene …..
    Andrea

  6. Il primo summit MMT ha attirato 2000 persone, ma ha anche attirato tantissimo arrivismo, proprio a causa della comunicazione di Paolo Barnard.
    Io “bazzico” nei gruppi MMT che ogni giorno si diluiscono in qualcosa di sempre più inconcreto , dal 2011.
    Il problema è stato credere fin dall’inizio che Barnard fosse un nuovo messia.
    Io personalmente l’ho sempre seguito come divulgatore, ma non ho mai pensato a delegare a lui la responsabilità degli avvenimenti futuri. Ognuno andrebbe preso per quello che è, e invece per anni molti hanno cercato in Barnard un capo di un eventuale partito NO-€uro. Mentre lui tra le altre cose si è sempre dissociato da iniziative di questo genere.

    La maggior parte di quelli che si dicono attivisti, non hanno mai affrontato un percorso di studio, e questo Barnard lo sapeva, ma ha sempre “fatto lo gnorri”.

    Per maggiori informazioni:
    http://joelsamuelebeaumont.info/node/78#0
    Leggere attentamente i «commenti»…

  7. Come Analista Possente del presente e del futuro sei una della più autorevole personalità odierna.
    Se la tua Voce rimarrà muta per sempre sarà una perdita incolmabile per noi cittadini bisognosi delle verità nascoste.
    Spero sinceramente che questo non succeda nel prossimo futuro.
    Noi tutti ti saremo immensamente grati.

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*