Un Piano B per non perdere tutto

Avendo consigliato, in passato, di accumulare oro fisico e di acquistare azioni di borsa difensive e non cicliche, come quelle del food and beverage, capita di sentirisi dire: “visto? alla fine non è successo niente.”

Ora, tutto si può pensare di questo spazio online, tranne che si tratti di un sito catastrofista o, peggio, di un blog che prevede il futuro. Chiunque creda che sia possibile fare previsioni, è un imbecille. Punto. Tuttavia, come scriveva il Machiavelli, è “con la virtù che si possono arginare gli effetti della Fortuna, la quale dimostra la sua potenzia dove non v’è ordinata virtù a resisterle, e quivi volta li sua impeti, dove la sa che non sono fatti li argini e li ripari a tenerla”. Parafrasando il toscano, possiamo dire che anche se nessuno può sapere cosa accadrà domani, di sicuro possiamo lavorare per evitare di subire i danni peggiori.

Questo lavoro preventivo – Machiavelli faceva riferimento agli argini del fiume da alzare, nel suo esempio, al fine di ridimensionare le inondazioni – io lo chiamo “tracciare scenari”.  Qualcuno preferisce la giornalistica espressione “piano B”, ma è la stessa cosa.

Rimane però un punto da capire. Chi ha seguito il nostro piano B, cioè ha riservato una quota molto parziale degli investimenti in beni rifugio, ci ha alla fin fine rimesso? Il famoso “scenario”, suggerito da micidial, ha funzionato come un’assicurazione, oppure ha fatto guadagnare qualcosina nonostante non sia crollato il mondo?

A darci una mano coi dati, questa volta, sono gli esperti  finanziari di lombardreport che per voce del loro analista Lorenzo Raffo, mostrano in chiaro quanto avrebbero perso o guadagnato gli investitori che avessero puntato qualche soldino sui beni rifugio. Diamo un’occhiata:

QUANTO HANNO RESO I BENI RIFUGIO?

Su dodici mesi

Vitivinicoltura+25%
Opere d’arte+7%
Orologi+4%
Monete preziose+4%
Gioielleria+4%
Vetture d’epoca+2%
Francobolli+1%
Diamanti0%
Mobili antichi-3%
Ceramiche cinesi-12%

Negli ultimi dieci anni

Vetture d’epoca+362%
Vitivinicoltura+231%
Monete preziose+182%
Gioielleria+142%
Opere d’arte+113%
Francobolli+103%
Diamanti+89%
Orologi+65%
Ceramiche cinesi-2%
Mobili antichi-32%

Non abbiamo controllato punto per punto, ma su quanto da noi indicato (monete d’oro in primis), direi che ci siamo. A differenza di altri, noi questo scenario lo abbiamo GIA’ tracciato in apertura del sito, più di 3 anni or sono. Il fatto che al Lombard segnalino l’ipotesi di un piano B proprio in questa estate 2018 non può che farci drizzare ulteriormente le antenne. Per approfondire, consigliamo vivamente di leggere il reporto di Lorenzo Raffo, QUI.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.