Perchè i liberisti ci odiano e fanno benissimo

Siamo stati noi. Inutile girarci attorno, la crisi del Liberismo è partita dall’italia ed è destinata a durare ancora a lungo. Secondo autorevoli analisti la crisi del liberismo – non del capitalismo, attenzione, del liberismo, che non è la stessa cosa – è partita nel 2008 con la crisi dei mutui subprime ed il fallimento di Lehman Brothers. E invece è partita con noi euroscettici targati 2011 e, sissignori, dalla piccola addomesticata italietta. Alla crisi tecnica in atto, “noi” abbiamo infatti aggiunto l’informazione, ed è per questo che ci odiano. Andatevi a vedere i tweet dei liberisti italiani, in stile Cacciavillani e Boldrin per farvene un’idea. Sembrano impazziti! Mia nonna in cortile aveva delle galline che facevano meno casino quando giungeva il momento di tirar loro il collo. Molti “di noi” li insultano e rispondono punto su punto alle critiche e alle provocazioni. Ed invece hanno ragione: la causa del crollo della loro religione ideologica siamo noi. Ed abbiamo appena cominciato.

L’Italia è il primo paese del vecchio continente e il primo membro fondatore dell’Unione europea a essere governato da una leadership euroscettica. Per essere giusti, tuttavia, “leadership critica verso la Ue” sarebbe una definizione più appropriata, visto che non la smettono di rimarcare ogni santissimo giorno che non vogliono uscire dall’euro e bla bla bla.

Leggendo la faccenda da parte di chi (NOI) euroscettico lo è davvero e non per convenienza momentanea, la nascita del governo di Conte segnala che la rete liberale euro-atlantica ha perso il controllo politico dell’Italia. Usando una terminologia finanziaria, direi che questo è un “trend”  serio, e segue la scofitta dei liberal dell’Europa orientale e isolana: svolta in Austria, la Brexit e,  prima fra tutte, la politica illuminante degli islandesi. Poco prima della grande svolta, quella italiana, abbiamo l’occupazione di un certo Donald Trump alla Casa Bianca.  La “destra” tradizionale non ha nulla a che fare con questo nuovo fenomeno: un movimento in crescita che rifiuta ciò che l’Europa (e il mondo occidentale in generale) è diventato nei decenni successivi alla fine della Guerra Fredda, così come le sue basi ideologiche.

Contrariamente a ciò che molti scrivono per dare alla faccenda un tono nostalgico o neopauperistico, l’ondata euroscettica e antiliberista non combatte il pluralismo, il multiculturalismo, ecc, ma l’immigrazione di massa, la globalizzazione economica incontrollata, la repressione delle identità locali e nazionali, l’individualismo estremo, lo sradicamento culturale, l’islamizzazione e la cosiddetta “ideologia di genere”.

Quel movimento (NOI), variamente chiamato “nazionalista”, “populista”, “rossobruno”, “anti-establishment”, “sovranista”,  in realtà contiene una sorprendente varietà di posizioni che spaziano dal comunismo ad Adam Smith e sta indubbiamente cavalcando un’onda storica simile a quella che portò alla fine del blocco sovietico.

Se la devono mettere in saccoccia: il panorama della politica occidentale sta cambiando ed anzi ha già causato cambiamenti irreversibili.

Occorre però tenere gli occhi bene aperti – spalancati! – perchè non mancano moltissimi agganci tra l’ascesa di questo movimento e liberali “sotto copertura”, nel senso che sembrano keynesiani, ma che in realtà sono liberali disposti a concedere qualche briciola mantenendo però saldamente in mano il potere.

Di certo, i conservatori liberali classici, ma sedicenti progressisti non hanno capito nulla della vicenda dei migranti e questa incapacità di pensare alla politica è la migliore garanzia della loro scomparsa e dell’aumento dei loro avversari. Finora, questo  pare essere il trend.

L’Italia era tra i paesi con il più alto sostegno all’integrazione europea. Un decennio fa, i partiti anti-establishment ed euro-critici potevano mirare, tutti insieme, al 10% -15% dei voti. Come è diventato un posto dove possono raggiungere bene oltre il 60%? Dal mio punto di vista ciò è spiegato da una combinazione di fattori sistemici, politiche terribili e terribile comunicazione da parte dell’UE come istituzione, dalle maggiori figure politiche europee e dai loro rappresentanti italiani.

Fondamentalmente, la situazione attuale è stata generata dalla questione delle riforme economiche e dall’immigrazione.
Sul primo fronte, è noto che l’Italia sia stata attaccata appositamente (spread), ma ha evitato un collasso finanziario nel 2011-2012, perché la BCE è intervenuta con una massiccia liquidità e in seguito acquisti di bond per stabilizzare le sue finanze. Questo tuttavia era basato su un accordo politico tra Roma da una parte e Bruxelles, Francoforte e Berlino dall’altra: l’Italia fu salvata ma dovette promettere una lunga lista di riforme economiche e sociali. L’idea dell’UE germanica era piuttosto chiara: l’Italia è attualmente un sistema economico insostenibile (balle); mentre la BCE acquista un po ‘di tempo, le riforme vengono attuate, riportando il paese su una traiettoria di sostenibilità.

Peccato che la serie di riforme draconiane richieste dall’UE era fondamentalmente impossibile da attuare nel contesto italiano. Ci sono formidabili limiti legali e persino costituzionali a ciò che il governo può fare per affrontare diritti, pensioni, sussidi, contratti stabiliti e così via.

L’Italia, piaccia o non piaccia ha una Costituzione keynesiana. Il tradimento di questa impostazione democratica ha provocato una dolorosa compressione della domanda interna. Tutto il resto, sono balle talmente giganti da non stare nelle mutande.

Sul fronte dell’immigrazione, sia i governi di Letta che quelli di Renzi hanno creato una situazione di assoluto caos, qualcosa che è stato riconosciuto persino, a suo merito, dal ministro degli interni uscente Marco Minniti (sotto Gentiloni), che ha riconosciuto gli effetti disastrosi di tali politiche. Il comportamento dell’UE su questa questione è stato completamente contraddittorio. Da un lato Bruxelles ha insistito su un piano per la redistribuzione dei migranti che nessuno vuole. Il piano appare al meglio assurdo, con possibilità minime di essere mai adottato; dall’altra, tutti i paesi confinanti con l’Italia hanno rafforzato i loro controlli sugli stranieri.

Vale la pena ricordare che la crisi migratoria nel Mediterraneo deve essere ricondotta direttamente all’assurda campagna militare del 2012, avviata da Francia e Gran Bretagna, che non solo ha distrutto alcuni degli interessi di sicurezza più vitali dell’Italia (un alleato dell’UE e della NATO), ma dell’Europa in generale, compresi in definitiva quelli di Francia e Gran Bretagna accelerando la destabilizzazione della politica europea. Ancora una volta, la posizione della leadership dell’UE e della sua filiale italiana sembra essere che questa situazione caotica nel Mediterraneo durerà potenzialmente per molti anni e persino decenni, e che gli italiani (come il resto degli europei) dovrebbero semplicemente sopportare …

Nessuno sembrava rendersi conto che questo non era possibile.

Tranne NOI

Quello che però gli elettori ed i sostenitori dell’attuale governo non hanno ancora capito e che li rende in parte diversi da noi è che molti di “noi” non confidano in un grande successo di questo governo. In caso di fallimento, infatti, l’elettorato non si sposterà affatto nella direzione pregressa dei liberal euro moderati, ma si radicalizzerà sempre di più su posizioni euroscettiche.

4 Commenti

  1. Buongiorno.
    Mi son chiesto piu’ volte se effettivamente ci possa essere un potentato in grado di manovrare il giocattolo “liberismo”, “keynesianesimo”, et similia. E la mia risposta e’ che tale controllo richiede una manipolazione delle persone che non mi pare attuabile piu’ di tanto (ricorda la sorpresa della Botteri all’elezione di Trump?).
    Riguardo l’articolo, mi lasci dire che la campagna militare franco-britannica contro la Libia del 2012 (sbagliata comunque la si guardi) non c’entra nulla con la pressione demografica in Africa che avrebbe trovato un comunque canale di sbocco verso l’Europa del welfare a prescindere da cio’.

  2. Gentile Massimo Bordin, leggendo il suo articolo, e se ne ho ben compreso il senso, non posso che essere d’accordo, ma non posso non rilevare che , ascoltando le sue rassegne stampa( di tanto in tanto) su Radio Radicale, sussista una sorte di scissione di personalità, in quanto su RR , a mio parere, propugna un pensiero ( in linea con la Sig.ra Bonino ) liberista pro europa e contro i populisti/sovranisti, che poi sarebbero incarnati dall’attuale Governo : quale è il vero Massimo Bordin ?

    Cordiali saluti

    G.M.

    • ciao Gennaro. Il massimo bordin di radio radicale non sono io!!! si tratta di un caso di omonimia. Io sono più bello e più intelligente del massimo bordin di radio raicale. anche se, in effetti, ci vuole molto poco. Un caro saluto

  3. Si si, chiedo scusa Prof. Massimo Bordin, per la svista che mi è occorsa; infatti, mi sembrava troppo stridente l’articolo con il personaggio che Lei ha perfettamente inquadrato. Pensare che Radio Radicale riceve dallo Stato italiano un finanziamento annuo non so se di 5 o 10 milioni di euro; poi propagandano, in quella radio, l’ideologia liberista/ordoliberista, ovviamente per il popolo bue, mentre per loro si riservano i finanziamenti dello Stato : il famoso socialismo dei ricchi. Mala tempora currunt !

    Cordiali saluti.

    G.M.

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.