Fragola Zen prima di cadere nel baratro

Visto che secondo gli analisti lunedi ci sarà la fine del mondo perchè la Commissione Europea ha scritto una lettera di rimprovero all’Italia sulla manovra finanziaria, aspettiamo l’arrivo delle cavallette e dello spread con una parabola zen. Ovviamente, non sta ancora scritto da nessuna parte che la fragola della storiella alla fine ce la dovremo mangiare noi, ma anche se così fosse la felicità non dipende mai dagli altri, ma sempre da noi stessi.

Un giorno, mentre camminava attraverso la foresta, un uomo incontrò una feroce tigre. Si diede immediatamente alla fuga per salvare la propria vita e la tigre lo inseguì.

L’uomo arrivò al bordo di un dirupo e la tigre lo stava per raggiungere. Non avendo scelta, si arrampicò giù per il precipizio, tenendosi con entrambe le mani ad una pianta di vite.

Appeso sul dirupo, l’uomo vide sopra di sé la tigre infferocita e pronta ad azzannarlo. Guardò verso il basso e vide un’altra tigre, che ruggendo attendeva la sua discesa per divorarlo. L’uomo si trovava adesso tra due fuochi.

Due topi, uno bianco ed uno nero, apparvero sulla vite a cui si aggrappava e, come se la situazione non fosse abbastanza grave, cominciarono a rosicchiare la pianta.

L’uomo sapeva che se i topi avessero continuato a rosicchiare, ad un certo punto la vite non avrebbe più potuto sostenere il suo peso, si sarebbe rotta e lui sarebbe caduto. Provò a mandare via i topi con le sue grida, ma questi tornavano sempre a rosicchiare.

Ad un certo momento, nella fase più acuta e tesa della situazione, notò una grossa fragola cche penzolava dalla parete del dirupo, non lontano da lui. Era rossa e matura. Tenendosi alla vite con una mano e raggiungendo la fragola con l’altra, la colse.

Con una tigre sopra, un’altra sotto ed i roditori che continuavano a rosicchiare la vite, l’uomo assaggiò la fragola. 

Com’era dolce e assolutamente squisita.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.