Su la testa dall’ombelico: gli italiani sono i meno indebitati del mondo

Mentre tutti in Italia parlano di migranti che sbarcano, pistoleri legittimati a fare fuoco in casa, bigoli in salsa e convention della famiglia, qui siamo nostagici e ostianatamente continuiamo ad occuparci di cose serie.

L’italia, secondo i dati della Banca dei Regolamenti Internazionali di Basilea è il paese con meno debiti dell’area Ocse. E non solo in virtù del scarso debito privato – di per sè risibile rispetto a paesi come gli Stati Uniti – ma anche comprendendo quel mostro ipertrofico per ecccellenza che chiamiamo debito pubblico.

L’italia, infatti, detiene una ricchezza privata quantitativamente rilevante (5,5 volte il pil) come in poche altre economie al mondo. 

Quando il debito pubblico è elevato e quello privato pure (il caso tipico dell’America), il caso diventa preoccupante, perché segnala che famiglie e imprese sarebbero a rischio stress nel caso di un aumento del costo del denaro. Non è il caso italiano, che, anzi, in quanto a debito privato si trova nelle zone più basse della classifica mondiale.

Stando al Wall Street Journal, “l’indebitamento complessivo del nostro paese, compreso quello dei privati, è pari a 5218 miliardi di dollari. Per un coefficiente del 256% del Pil contro il 222% nel 2018, e ben inferiore alla media, pari al 266%.

Picchi si registrano in Francia dove l’indebitamento complessivo tocca il 371% del Pil, il Regno Unito al 280% o il Giappone al 371 per cento. Il perché di tale differenza lo si spiega dal fatto che il nostro paese ha sì un elevatissimo debito pubblico ma un debito privato contenuto”.

Volendo vedere il dato in controluce, però, questo significa anche che le banche in Italia prestano poco ai privati, e che cercano di pulire i bilanci concedendo meno prestiti che in passato.

Si tratta di un elemento positivo per le famiglie italiane – che così non sono a rischio effetto Lehman – ma non per le imprese, costrette a rimanere piccole e a non investire.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.