Se lo spread scende vuol dire che fanno austerità

Lo spread in queste ore è crollato. L’indice che misura la differenza tra i btp decennali ed il bund tedesco si ferma a quota 243, ma, soprattutto, ha ceduto quasi un 5 per cento rispetto a ieri. L’Italia cresce? Qualcuno è venuto a sapere che nel Belpaese si stanno riversando migliaia di finanziatori internazionali? Nonna Abelarda ha comparto il debito italiano e lo sta bruciando nel caminetto?

Naaa, mentre i media raccontano che lo spread scende perchè Draghi ha tutto sotto controllo (che è come dire che fino a ieri non ce l’aveva…), i mercati scoprono il segreto di Pulcinella, e cioè che il governo italiano sta facendo austerità, cioè che non sta spendendo per i cittadini. Com’è noto, i mercati vanno pazzi per queste cose e voilà, ecco che miracolosamente torna fiducia sull’Italia, paese che è in avanzo primario dai tempi di Ottaviano Augusto.

Secondo quanto riferito alla stampa finanziaria internazionale dal ministro del MEF Giovanni Tria, “l’Italia taglierà la spesa pubblica per rispettare gli obiettivi di deficit di bilancio quest’anno ed è in grado di raggiungere un accordo con la Commissione europea sul debito”

Anche se Tria dopo l’imitazione di Crozza è diventato simpatico a tutti, sostenere che l’Italia taglierà la spesa pubblica significa fare le stesse cose che avrebbe fatto un Cottarelli qualsiasi e come già fatto da Tremonti e da Monti, con i pessimi risultati che tutti conosciamo: stagnazione economica, aumento debito del pubblico, alta disoccupazione, deindustrializzazione.

Ma la dichiarazione che ha fatto commuovere chi specula sul mercato obbligazionario è stata un’altra, molto più chiara ed esplicita della precedente:

“Puntiamo a un deficit del 2,1% (del Pil). Faremo meglio di quanto concordato lo scorso anno”

Il Ragionier Filini dell’ufficio contabilità Italia, insomma, non smentisce il suo vero capo, tale Mattarella che lo ha piazzato lì «perchè tutto cambi affinchè nulla cambi».

Parafrasando il satirico Corrado Guzzanti quando sfotteva Bertinotti, questo governo si è mosso in modo interessante e alternativo sulla protezione di “alcune felci”. Per migranti, riforma pensionistica e reddito di cittadinanza, il governo ha provato strade discutibili, ma originali. Sul bilancio non è solo un governo come quelli – pessimi – che lo hanno preceduto, ma è pure peggio. Quelli che tutti si sbracciano a definire “populisti” e “sovranisti” in realtà, finora, hanno fatto più austeritò e non meno di quelli che li hanno preceduti, Berlusconi, Monti e Renzi.

Alcuni numeri, facilmente risocntrabile da qualsiasi sito uffficiale (eurosta, ecc): con Monti il deficit, cioè lo sforamento fu un anno del 3,7, l’altro del 2,9. Con Letta del 2,9 ; con Renzi per un anno del 3 e l’altro del 2,6. Gentiloni fec il 2,5. Poi arrivano i gialloverdi: dopo il 2,1 tanto soffferto (dveva essere 2,4…) si arriverà nel 2019 al deficit dell’1,8. Se non è austerità questa non saprei come altr chiamarla visto che siamo abbondantemente sotto del già imbecille parametro fissato dalla Ue del 3 per cento.

Da questi dati di fatto, misurabili perchè trattasi di quantità, si ricava la lezione per la quale se non tutto il male vien per nuocere, il male chiamato spread si. Lo spread, infatti, non ha alcuna importanza per un paese sovrano, mentre ne ha tantissima per una colonia. La pressione esercitata da questo inutile e demenziale strumento viene usata come una clava per fare semrpe più austerità, così da arrivare ben presto ad eliminare l’unica cosa per cui uno Stato ha un minimo di senso, che è il welfare.

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. NOTIZIARIO STAMPA DETTI E SCRITTI 19 GIUGNO 2019 - Detti e Scritti
  2. Lo spread cala? Pessimo segno: il governo farà austerità

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.