Alta statura ed Economia. Gli americani guardano dal basso

Da qualche tempo si parla di decadenza culturale ed economica dell’Occidente a fronte dell’arrivo lancia in resta sulla scena mondiale di paesi emersi (come la Cina…) e di paesi emergenti. In particolare, quando si parla di questa decadenza c’è la tendenza a puntare sempre l’indice contro i paesi d’Europa, continente vecchio, socialista e tradizionalista, e meno verso gli Stati Uniti che, non avendo welfare state, si starebbero “salvando” dalla crisi con tanto di Pil oltre il 3%.

Questa idea di fondo si scontra però con tutta una serie di dati che invece vedono una riduzione del benessere proprio nei paesi a maggior tendenza neoliberista. Purtroppo per i cittadini di questi paesi la situazione della diffusione della ricchezza è tornata a livelli prebellici. Nel caso degli Stati Uniti, il 60% degli abitanti di quel paese, se perde il lavoro, può contare solo su 1000 dollari di risparmi in totale. Roba che in una città di medie dimensioni, manco ci paghi l’affitto.

Un dato allarmante e significativo, ad esempio, arriva dalla statura media degli statunitensi. Fino all’immediato dopoguerra, com’è noto, gli americani avevano la statura media più elevata del mondo e lo si può ancora oggi vedere dagli attori hollywoodiani impiegati nel cinema soprattutto quando confrontati con attori provenienti da altre nazioni. John Wayne, Cary Grant, Gregory Peck – per citarne solo alcuni – si aggiravano sul metro e novanta di altezza ed erano nati nella prima metà del Novecento.

Il percorso degli americani a diventare gli uomini “più alti del mondo” è durato secoli e sempre in progresso almeno fino al 1975. Poi, una lenta ma piuttosto evidente inversione. Come mai? Se la genetica incide e se gli americani si stavano selezionando verso l’alto, cosa può essere successo? E’ ovviamente un argomento di cui si parla poco perché se comprovato scientificamente dimostrerebbe che la ricetta economica proposta dagli Stati Uniti almeno da Reagan in poi non funziona affatto. Per lo meno, non funziona per la maggior parte della popolazione americana.

Osserviamo questo grafico

tallest1

Da questo grafico si evincono due dati particolarmente significativi. Il primo è che gli Stati Uniti stanno tracciando una curva decrescente per quanto concerne la loro statura, mentre un tempo avevano il primato indiscusso (watussi ed altre leggende escluse, ovviamente).

La seconda è che i paesi dove il welfare e la promozione sociale sono diffusi, invece, stanno aumentando la loro statura. Si osservino gli olandesi, ad esempio, cresciuti circa 20 centimetri in circa due secoli ed oggi, con 1,85 cm di media per maschio adulto sono gli uomini più alti del pianeta.

Purtroppo per Milton Friedman e l’allegra batteria di cazzari economisti di Chicago, la loro ricetta non funziona, o meglio funziona solo per l’1 per cento della popolazione, sempre a voler considerare l’alta statura, ovviamente, come un serio parametro di benessere. Uno studio newyorkese del 2007, ad esempio, diceva che

“Gli americani sono sempre più bassi. La notizia arriva dalle prime pagine del settimanale “New Yorker”, che in un lungo articolo racconta che mentre gli abitanti degli Stati Uniti sembrano aver smesso di crescere in altezza, la popolazione europea sta continuando a guadagnare centimetri. A far preoccupare sono i dati che emergono da uno studio condotto da John Komlos, docente all’Università di Monaco ed esperto di antropometria, secondo il quale la popolazione europea è cresciuta mediamente di quasi 20 centimetri rispetto a un secolo fa, mentre gli americani sono alti quanto i loro antenati che combattevano la guerra di Indipendenza. Lo studio di Komlos si è basato sui dati raccolti nel corso del tempo dai governi di vari Stati del mondo tra tutti gli uomini sottoposti alla visita di leva. Una quantità di dati immensa e molto attendibile, sebbene ristretta al solo genere maschile. Secondo gli studi più recenti, la media di altezza per gli uomini negli Stati Uniti è di circa 1 metro e 72, mentre in molti paesi europei sfiora 1 metro e 80. “Ci sono sicuramente motivazioni sociologiche ed economiche per questo fenomeno” ha spiegato Komlos

Per curiosità si osservino i grafici di wikipedia sull’argomento che mostrano come in Veneto e Friuli i maschi siano mediamente più alti dei paesi del sud Italia, dove “c’è meno stato”, e come nel mondo i russi (da sempre presentati dalla propaganda come dei pezzenti) siano invece alti quanto i “ricchissimi” americani (il colore rosso sta per altezza superiore all’1,80 di media, quella gialla per altezza compresa tra 1,75 e 1,79).

Statura_Italia                    Statura_mondo

Ps. Spero che nessun lettore sia tanto stupido da pensare che “alto” equivalga a “ricco”! qui si parla di aumento della statura nei decenni in rapporto al benessere del paese ospitante. Curiosità: cosa vi suggerisce il dato dei balcani?

10 Commenti

  1. 1. Domanda: lei Prof quanto è alto? E sua moglie che dovrebbe essere veneta come lei quanto è alta?

    Comunque, dalle foto non sembra un lungagnone, così più o meno 177cm-180com, e quindi sua moglie che sarà più o meno della sua stessa età sarà 168cm-170cm, che per carità sono buone altezze in quanto superiori alle medie di riferimento.

    Comunque, ai tempi i veneti quando emigravano in Sud America non spiccavano certo per chissà quali altezze, diciamo che la pellagra inficiava anche questo aspetto.

    2. Ecco un dato molto curioso:

    The following table shows the 50 countries with the tallest and shortest people born in 1996 based on NCD-RisC’s estimates.

    https://pix-media.priceonomics-media.com/blog/1219/TallestPeople.png

    Serbia N 6 , Croazia N 11 e Slovenia 12, tutte aree geografiche in cui nel 1996 la Guerra dei Balcani aveva fatto disastri enormi da ogni punto di vista.

    La tabella di cui sopra è presa dal seguente articolo:

    Make America Tall Again? Height Stagnation in the 20th Century Priceonomics

    3. Proseguimento nel prossimo post.

    • Fai riferimento alle foto che ho sui profili social? io sono alto 1,83, dunque sopra la media nazionale, ma normale in veneto. mia moglie invece è piuttosto alta, anche per essere veneta, 1,78

      • 1. I veneti che ho conosciuto sia donne che uomini non sono così alti però sono chiari di carnagione e castano molto chiari o biondi, comunque, l’ultima volta che sono stato in Veneto qualche anno fa a trovare un caro amico veneto e precisamente a Treviso, giri nei dintorni e a Verona, comunque tutta stà grande differenza col resto d’Italia non l’avevo notata affatto, ovviamente non faccio testo perché ci sono stato per pochi giorni.

        2. Da questo punto di vista la batto, sono alto 190 cm, comunque, entrambi genitori italiani, uno Nord Italia, l’altro Sud Italia, miei nonni italiani, miei bisnonni pure.

        3. Mia fidanzata 170 cm, certo magari più alta sarebbe stata meglio ma dal punto di vista estetico nun me posso lamentà.

        • non lo so, nel senso che da quando non c’è più l leva obbligatoria è una statistic difficile da appurare. Io mi sono riferito a tutti gli articoli visti in questi anni. Nel senso che veneto e friuli sono giudicate le regioni dove la statura è più alta. se guardi online le statistiche riportate dicono questo con una certa costanza.
          https://www.thesocialpost.it/2015/11/15/altezza-peso-italiani/
          http://www1.adnkronos.com/Archivio/AdnAgenzia/2001/12/10/Cronaca/STATURA-ISTAT-MASCHI-ITALIANI-PIU-ALTI-IN-FRIULI_124900.php

          • 1. Comunque, io ho già detto alla fine del punto 1. :

            “ovviamente non faccio testo perché ci sono stato per pochi giorni.”

            e lo ribadisco nel senso che per poter parlare con cognizione di causa delle sembianze fisiche di una particolare popolazione in una determinata area geografica si ha bisogno della prova pratica statisticamente rilevante.

            2. Nota sfiziosa di curiosità, americani ( from USA ) quando vengono in Italia sono sorpresi dal constatare che gli italiani non sono un popolo di grassoni e scuri bassini perché poi constatano che c’è varietà e che non si vede particolare grassezza in giro fra le persone, gli italiani che invece vanno in USA per vacanza sono delusi dal fatto di vedere in giro tanti americani in sovrappeso perché abituati ai film di Hollywood che offrono invece un’immagine di americani in forma.

            Cordiali saluti e buon fine settimana.

            TheTruthSeeker

  2. A titolo integrativo:

    “Statura media: italiani sempre più alti, superati i francesi e gli americani”
    di G. Balduzzi per “TermometroPolitico”

    24 Agosto 2016

    https://www.termometropolitico.it/1228026_statura-media-italiani-sempre-piu-alti-superati-i-francesi-e-gli-americani.html?cn-reloaded=1

    Da notare l’intelligente considerazione dell’autore:

    “Ai tempi della Seconda Guerra Mondiale gli americani erano di 10 cm più alti, anche per l’inizio più precoce di una alimentazione più varia, più ricca di proteine e per condizioni sanitarie migliori, ma nel Dopoguerra la differenza si è azzerata.

    Certamente non indifferente a questi dati è la grande immigrazione che da molto prima rispetto all’Italia ha interessato Francia e USA, immigrazione di popolazioni spesso provenienti dal Nord Africa, nel caso francese, o dal Centro e Sudamerica, nel caso americano, con una altezza media decisamente inferiore.”

    Queste cose non si possono più dire in epoca di “politically correct” a tutti i costi come quella attuale, altrimenti si viene tacciati subito dai media mainstream come razzisti, xenofobi e minchiate varie del genere, ma considerando il fatto che nel 1964 circa l’80% della popolazione USA era di origine caucasica ( bianchi di origine europea ) e che nel 2064 si prevede che saranno circa la metà ovvero circa il 40% e tutto il resto afroamericani ( che resteranno al 12%-15% ) con ulteriore incremento di sud americani ( messicani in particolare ) e asiatici, due gruppi etnici che non hanno mai spiccato per altezze medie di particolare valore, e allora però se non lo si dice si fa il gioco dei media mainstream che con il “politically correct” ormai imperante ci vuole tutti docili, mansueti e distratti, chissà come mai…..

    Insomma, checché se ne dica o non se ne dica, a seconda dei casi, la composizione etnica di una popolazione influisce in modo non trascurabile sulle medie finali.

    Cordiali saluti e buona settimana.

    TheTruthSeeker

    • Volevo scrivere esattamente la stessa cosa ossia che negli ultimi decenni la composizione etnica della popolazione USA è radicalmente cambiata. Tra l’altro gli afro-americani, che sono la componente etnica mediamente più povera negli USA, sono anche quelli dove si trovano le persone con fisici più possenti. Sono infatti discendenti degli schiavi ossia di persone che venivano selezionate anche perché dotati di fisici “importanti”.
      Basta vedere, peraltro, chi sono i giocatori professionisti di pallacanastro, visto che il basket non è certamente sport per persone di bassa statura.
      La grande maggioranza è fatta da afroamericani, e e ci sono pure afroeuropei e africani puri, poi americani e europei bianchi. I latino-americani sono pochi, salvo che non siano 100 % caucasici o anch’essi con sangue africano. Tutti gli altri si contano sulle punta delle dita.
      Che poi se vi fosse una relazione tra benessere e altezza, i giapponesi ormai dovrebbero essere degli stangoni mentre continuano ad essere piuttosto bassini.

      • Ma infatti. i giapponesi che hanno benessere sono bassi, soprattutto le donne. io credo che in Europa siamo caduti troppo nella superficialità. Guardiamo l’immagine, le apparenze come simbolo di forza, intelligenza, benessere e bla bla. Gli uomini più intelligenti erano bassi e vi hanno portato all’evoluzione. da primitivi popoli ad esseri umani. A me sembra che l’Italia sta fallendo anche per queste cose. Troppe pagliacciate su ogni cosa. Dall’economia alla politica. Gli italiani sono troppo superficiali e questo ci porterà a diventare il paese più povero e ignorante del mondo entro 3 generazioni. Forse tra 100 anni saremo tutti 1,90 ma ignoranti e servi di nazioni sviluppate socialmente. Lo vedo da giovanissimi. Davvero molto alti. Tutti altissimi , una media del 1,85 ma cervello zero. Meglio i giapponesi che con una media del 1,60 per le donne e 1,65 per gli uomini hanno uno sviluppo sociale maggiore. Spero di non essere frainteso, non è mia intenzione essere offensivo. Ho scritto una riflessione che ho ascotato anche da un ragazzo che ha pubblicato il video su youtube ed è stato censurato.

        • Veramente la media tra i giovanissimi è 1 77, altro che 1 85, poi si tratta di risultati ottenuti grazie al progresso degli anni scorsi, pare secondo molti studi scientifici che il potenziale genetico sia stato raggiunto

  3. Intanto in Veneto succede anche questo:

    A. Zaia: “Venderemo anche valli da pesca e immobili in tutto il Veneto”

    https://video.nuovavenezia.gelocal.it/locale/zaia-venderemo-anche-valli-da-pesca-e-immobili-in-tutto-il-veneto/120524/121002

    B. Sulla questione importantissima della rimettere le Autostrade nella disponibilità dello Stato,la posizione del governatore del Veneto:

    Zaia: “Nazionalizzare le strade significherebbe la paralisi”.

    C1. La grande fuga dei medici Italiani primi in Europa e il record è del Veneto Il Giornale

    C2. Treviso, l’ospedale assume dieci medici romeni: «Costano meno». Zaia:
    «È una sconfitta ricorrere a medici stranieri, ma è il segno dei tempi. »
    Assomed: «Nel pubblico condizioni di lavoro impossibili, si preferisce cercare camici bianchi low-cost». Il governatore: «In Veneto mancano 1300 specialisti»

    Corriere del Veneto

    Insomma, i veneti sono diventati troppo alti e quindi ci vogliono i privati per farli abbassare un pochettino come si deve!

    Comunque, era solo una battuta e solo delle segnalazioni a titolo di cronaca.

    Saluti.

    TheTruthSeeker

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.