Mercato Globalizzato: i francesi all’attacco di Poste italiane

La posta francese entra a pieno titolo nella logistica per il commercio elettronico italiana acquisendo il pieno controllo del corriere BARTOLINI tramite la controllata Geopost, che nel 2017 acquisì il 37,5% dalla famiglia Bartolini.

Un altro colpo a Poste Italiane: non nella gestione del risparmio, ma in quello dei corrieri.

All’epoca la società postale lasciò ai fondatori la maggioranza delle azioni – e dunque il controllo – ma ora cambiano gli equilibri perché l’amministratore delegato di La Poste, Philippe Wahl, ha annunciato la firma dell’accordo con Bartolini per portare la sua partecipazione all’85%, lasciando alla famiglia italiana il restante 15%.

La collaborazione tra le due aziende è iniziata molti anni fa con uno scambio di attività: Bartolini consegnava in Italia i pacchi spediti tramite “La Poste” e quest’ultima faceva lo stesso in Francia per quelli inviati dal corriere. Poi c’è stata l’acquisizione della quota di minoranza e ora l’annuncio del controllo tramite una sorta di opa. Dalle prime informazioni, Dalmazia Monti manterrà la carica di direttore generale.

Fondata nel 1928, Bartolini si è imposto tra i principali corrieri espressi italiani e oggi compete con Poste Italiane e con le multinazionali come Amazon, FedEx e Ups, con enormi potenzialità di sviluppo grazie al commercio elettronico.

La concorrenza, dunque, in futuro potrebbe essere tra italiani e francesi e non più tra società italiane. Non sfugge però il particolare che si tratta pur sempre di territorio itlaiano e che la logistica non è proprio proprio un elemento economico come tutti gli altri perchè è in grado di controllare il resto del mercato. (fonti: TrasportoEuropa e SecoloTrentino)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.