Le 7 cose che hanno in comune Neoliberisti e ItaloComunisti

Sembrano agli antipodi, e invece sono due facce della stessa medaglia globalist-farneticante. Ovviamente ci sono preziose perle di intelligenza in entrambi gli schieramenti, ma sono, appunto, eccezioni che in quanto tali confermano la regola. La regola dell’appiattimento su identiche posizioni. Ecco i 7 punti che li accomunano maggiormente. Per comodità, chiameremo qui i pseudo-rifondaroli sempre “comunisti”.

1-ANTIRAZZISMO. Una delle questioni relativamente nuove che hanno interessato l’Europa del nuovo millennio è quella delle massicce migrazioni provenienti da Africa e Asia verso il Vecchio Continente. La popolazione europea assisteva agli arrivi degli stranieri anche nel Novecento, ma ora è molto più complicato perchè i posti di lavoro sono diminuiti e divenuti più precari. Invece di prendere atto che è il LAVORO il primo dei problemi, liberisti e comunisti passano le loro giornate a postare su facebook i pestaggi dei poliziotti dell’Alabama (!) o episodi di cronaca locale statisticamente irrilevanti  dove il Capo Ultras del Frosinone Peppino A’Fetecchia” urla sprezzantemente “negro” al terzino della squadra avversaria.

2-ANTIFASCISMO. I liberisti e i comunisti segnano sulla loro black list tutti quelli che scorreggiano in ascensore e gettano le cartacce in terra. La maggiorata in bichini per loro è antifascista, le emorroidi fasciste.  Questa black list che entrambe le fazioni condividono è ovviamente sempre più nutrita (ci stanno dentro oramai tutti gli esseri umani, tranne loro) e la chiamano: “FASCISMO”

 

3-SCIENZA. Liberisti e comunisti hanno fornito insigni pensatori nel corso della loro storia politica – da Schumpeter a Lenin. Ora entrambe queste Chiese odiano la filosofia ed il libero pensiero e sono passate ad adorare la Scienza. La Scienza dice la Verità, tutto il resto è fuffa della fuffa della fuffa!!! Liberisti e comunisti infatti tendono ad esaltare le stesse figure culturali, come Piergiorgio Odifreddi oggi (uno scrittore mediocre che si presenta come matematico ma che scrive quasi sempre di Gesù), o la compianta Margherita Hack ieri. Invece, criticano con estrema violenza ed odio verbale tutti quei pensatori che si occupano di Etica, di Storia o di Geopolitica, come Diego Fusaro. E lo fanno con molta maggiore energia di quanta ne impieghino per masturbarsi (il che è preoccupante, perchè con l’energia prodotta in entrambe le attività potrebbero riattivare Chernobyl e Fukushima). da notare che non sono costoro MAI laureati in materie sceintifiche vere, come la matematica o la fisica, ma sempre in saperi umanistici mascherati, come economia, giurisprudenza, medicina, scienze politiche, veterinaria, agraria, scienze della comunicazione.

4-MONDO MILITARE. Seppur partendo da prospettive diversissime, liberisti e comunisti arrivano a decisioni comuni in campo militare. Per i liberisti i militari servono per attaccare i paesi dove ancora non c’è il capitalismo sotto controllo occidentale. Siccome in tale generoso e solidaristico intento devono essere efficaci, occorre professionalizzare i soldati e abolire il servizio di leva. Per i comunisti rifondaroli la guerra è cacca. E’ brutto. E’ pupu. Quindi… occorreva abolire il servizio di leva.

5-OMOSESSUALITA’. Quella dei gay e dei movimenti LGBT è costantemente il tema in agenda politica di liberisti e comunisti. Giusto? Sbagliato? Senza dubbio, in nome dei diritti individuali entrambe le fazioni si preoccupano dell’1% della popolazione con maggior profusione d’impegno del restante 99%.

6-CLASSE SOCIALE. Certamente tra i sostenitori del liberismo ed i promotori del comunismo radical chic non ci sono nè imprenditori nè operai. La classe sociale che caratterizza entrambe le dottrine religiose è quella dei manager, dei liberi professionisti e degli insegnanti. Il caso degli insegnanti è anche molto divertente, a ben guardare. Il più delle volte, si tratta di docenti di scuola (nel caso dei comunisti), e dei baroni universitari (nel caso degli ordoliberisti). Il tutto sempre con i dovuti distinguo, per carità del signore, e bla bla bla.

7-ESTEROFILIA. Tutto ciò che accade o è accaduto in Italia, a costoro fa schifo schifissimo. A seconda dei peli pubici finiti accidentalmente nella loro cintura, i liberisti ed i comunisti cambiano mutevolmente le loro idee preconcette e scelgono un Paese da adorare come un Totem indiano:  può essere la Russia pre-Putin o la Germania merkelliana, gli Stati Uniti (se si parla di Sanders e Clinton) o la cara vecchia Cuba se si parla di Fidel. Il culto maggiore, di solito, va alla Germania quando ordina al Conte-Tsipras le cose da fare. Quello, per costoro, è il massimo della goduria perchè convola a giuste nozze i loro due idoli di riferimento: Angela e Alexis. Da farsela nelle braghe proprio…

In verità, e purtroppo, le cose che hanno in comune sono molte, ma molte di più. Ai lettori, se vogliono, lascio aggiungere qualche altro spunto all’elenco.

2 Commenti

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.