Putin: «La nostra unica preoccupazione è non prendere il raffreddore al vostro funerale»

I malvagi russi non si accontentano di avvelenare Navalny, occupare la Crimea (dove abitano russi) e aiutare Trump a perdere le elezioni. No! I malvagi Russi devono pure prenderci per i fondelli.

Difficile però biasimarli quando ogni giorno leggiamo sui tabloid occidentali che la Russia è “spacciata”, che è “una dittatura”, che Putin è come Hitler e che i russi rappresentano l’oscurantismo nel mondo. Sarà per questa aggressione mediatica che il Capo del Cremlino, in quel di Valdai, ha risposto in modo provocatorio a chi continua a ripetere che la Russia è in disfacimento:

“la nostra unica preoccupazione è non prendere il raffreddore al vostro funerale”.

Dopo aver annunciato mesi fa che il vaccino russo era pronto per essere usato, ora Putin rivela anche che stanno arrivando forti richieste e che la Russia potrà fatturare 100 miliardi di dollari dalla sua commercializzazione, ma è sulla geopolitica che, al solito, Putin ha voluto ribadire la posizione russa nel complesso contesto internazionale, anche a fronte delle rivoluzioni colorate operate in Ucraina, Bielorussia e, a breve, in Moldavia.

Parlando a una riunione del Valdai Discussion Club, infatti, il Presidente ha reagito agli avvertimenti sul rallentamento e il “dissolvimento” della Russia, lasciando trapelare che sull’indipendenza eurasiatica non intende retrocedere di un millimetro, costi quel che costi.

L’ordine mondiale del dopoguerra è stato fondato da tre potenze vittoriose: gli Stati Uniti, l’URSS e il Regno Unito, ha ribadito. Ora l’URSS non esiste e con questa assurda motivazione “qualcuno ha approfittato per tentare di cancellare la Russia”.

“Le assicuro che valutiamo oggettivamente le nostre capacità: intellettuali, territoriali, economiche e militari”, ha assicurato Putin all’intervistatore. “Non posso essere d’accordo, ad esempio, sul fatto che le strutture internazionali esistenti debbano essere completamente ricostruite, o addirittura scartate in quanto obsolete. È necessario invece preservare tutti i meccanismi di base della sicurezza internazionale che hanno dimostrato una certa efficacia. Questi sono l’ONU, il Consiglio di sicurezza ed il veto dei suoi membri permanenti ”, ha aggiunto.

Importare in modo presuntuoso la democrazia, come ha provato a fare qualcuno…, si è rivelato, invece, impossibile: una chimera!

“Dobbiamo fare i conti con il fatto che a volte qualcuno cerca di abbattere l’interesse di qualche ristretto gruppo sociale, e francamente anche l’interesse di forze esterne. Ma si è capito bene che la vera democrazia e la società civile non possono essere importate o esportate e non possono essere il risultato delle attività di sobillatori stranieri, anche quando asseriscono – a chiacchiere – di volere il meglio”.

Tradotto: chi volete prendere in giro con le vostre rivoluzioni colorate? Oramai tutto il mondo vi ha sgamati e non ci sarà nessuna denigrazione mediatica della Russia in grado di convincere noi ed il resto mondo intelligente delle vostre buone intenzioni. Per dirla con Hegel, infatti, “di buone intenzioni sono lastricate le strade dell’Inferno”.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.