Dove va la Borsa di Milano?

18mila e 24mila. Da anni, ormai, questi sono i punti chiavi da rompere per l’indice della Borsa italiana Ftse Mib. Consolidare sopra 24mila è segnale long. Consolidiare sotto 18mila è segnale short. Sembra tutto così facile a chiacchiere su internet. Certo è che ogni qual volta in questi ultimi anni il Ftse ha ragionato attorno a 18mila, come in questi giorni, sono tornati a farsi vedere i compratori.
Chi sa operare, sta aspettando come un cacciatore l’occasione giusta per fare spese. Quale scenario?
3 cose dovranno verificarsi perché su questo sito si valutino spese pazze in borsa italiana
  • Risoluzione della questione bancaria
  • Tenuta del governo italiano
  • Dollaro e petrolio bassi
Ragionando in termini gerarchici è la prima condizione che farà uscire in modo deciso il nostro indice dal supportone 18.000. Questo perchè i mercati e gli investitori sanno che la tutela da parte della banca centrale può evitare ecatombi in stile lehman brothers 2008 e, nel caso italiano, sanno che il nostro indice è guidato dalle banche, contrariamente ad altri listini più importanti.
In italia, invece di avere cannoni di peso nel campo industriale o farmaceutico, noi abbiamo un asset di titoli di peso esclusivamente nel settore bancario e assicurativo. Dunque, con banche come Unciredit abbondantemente sotto ai 4 euro per azione non resta che capire come finirà la questione bail in e bad bank. Se questa questione dovesse calmarsi grazie all’intervento Ue e Bce, i 18mila, anche se l’economia italiana va di merda, li rivedremo col binocolo nei prossimi mesi.
Sotto il profilo dell’analisi tecnica, non occorre aver studiato tanto per individuare i 18mila come supporto, tracciato con chiarezza nei mesi di ottobre 2014, dicembre 2014, gennaio 2015 e, ovviamente, questo gennaio 2016 (si veda grafico settimanale sottostante)

FTSEMIB40Weekly

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.