Non c’è gusto in Italia ad essere Intelligenti (ma in Inghilterra si)

I sondaggi danno la possibilità di una uscita della Gran Bretagna dall’unione europea (Brexit) al 40 per cento e non molto di più. Al di là del voto, comunque, gli inglesi hanno già ottenuto un massiccia dose di autonomia, a partire dalla moneta che rimane la Sterlina. Se nessun esito del voto è ancora scontato, la situazione inglese nei suoi rapporti con la Ue è cristallizzata nei 2 grafici che seguono e realizzati da Morgan Stanley. Grafici utili a capire l’inghilterra, ma soprattutto  l’Italia.

brexit1Nel primo grafico si vede come il giudizio sulla Ue sia negativo per 3 stati su tutti: Grecia, Austria e Inghilterra. Il dato più rilevante per i lettori, ovviamente è quello italiano. Gli italiani mostrano di gradire la Ue, non troppo diversamente da altri popoli che hanno tratto vantaggi enormi dalle politiche Comunitarie, come l’Olanda. Il rapporto tra la ricchezza e il benessere di un italiano rispetto ad un olandese lo lascio giudicare a chi ha viaggiato. Il rapporto tra la ricchezza e il benessere di un italiano di oggi rispetto ad un italiano prima dell’euro lo lascio giudicare, invece, a chi ha un briciolo di dignità e di memoria.

brexit2Significativo anche il secondo grafico: gli inglesi (UK) sono il popolo che al 70 per cento e rotti si sente prima inglese e solo secondariamente europeo. Gli italiani, che di norma non conoscono nessuna fottuta lingua straniera che non sia il loro dialetto valligiano e che vanno in acido se solo il caffè non è rigorosamente un espresso ristretto in tazza calda, invece, si sentono PRIMA europei e POI italiani in una percentuale abbondantemente superiore al 50 per cento.

Avrei altri due grafici da farvi vedere su questo tema (lo giuro), ma non ce la faccio ad andare avanti. Devo mantenere un taglio giornalistico, evitare di cadere dalla sedia per disperazione o o digitare bestemmie. Magari li postiamo e commentiamo un’altra volta sperando che Morgan Stanley non sia poi così affidabile in scienza statistica.

PS Il titolo e la foto in evidenza sono dediche e citazioni del compianto cantante e scrittore Roberto Freak Antoni da Bologna, scomparso nel 2014. Un uomo che stava alla sublime arte del «demenziale» come oggi Siffredi sta al cinema porno

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.