Il Putin della Mia e della Tua Fantasia

Su Putin e sulla Russia circolano in Italia una serie impressionate di menzogne. Alcune sono bugie in buona fede, nel senso che vengono pronunciate sulla base di fonti erroneamente ritenute attendibili o a causa di scarsa capacità analitica. Altre, la maggior parte purtroppo, sono invece in malafede e per lo più vengono alimentate per questioni di partigianeria politica. L’analisi di un nostro lettore, Andrea Sartori, che vede le cose “dalla Russia” soprattutto per esperienza famigliare e studi storici, mette finalmente le cose a posto.

IL PUTIN DELLA MIA E DELLA TUA FANTASIA (di Andrea Sartori)

⌈Vedi dalla Russia la visione fantasiosa che gli italiani hanno di Vladimir Putin. Ci sono due visioni opposte: una è quella della bufala qui sotto: Putin è una specie di supereroe ammazza-terroristi, anzi, ammazza-Islam, il baldo protettore di noi tutti. Ora, è vero che Putin è l’unico leader attuale che sta davvero combattendo il terrorismo, mentre Europa e Stati Uniti stanno conducendo una politica debole, irresoluta quando non connivente col terrore islamista. Questo è sacrosantamente vero. Però il Putin non è un affonda-barconi chiudi-moschee e vi discorrendo. A Mosca, su Prospekt Mira, c’è la moschea più grande che abbia mai visto in un Paese non musulmano. Recentemente ha presenziato all’inaugurazione della moschea più grande d’Europa facendo gli auguri ai musulmani di Russia. Si distingue bene tra terrorismo e Islam: se le misure anti-terrore sono strettissime ho visto anche musulmani in preghiera.

prosp

Altra bufala: Putin ha fatto chiudere tutti i kebab di Mosca. E subito: bravo, così si fa, tutti a casa loro. No. C’è stata un’ordinanza emessa dal sindaco di Mosca per stretti controlli igienici, ma dietro casa nostra a Mosca, a Novogireevo, esiste un kebab dove andiamo qualche volta quando mia moglie non ha voglia di cucinare. Putin inoltre non si sognerebbe mai di dire “sgancio l’atomica”. Su chi? Dove? È stato proprio Putin a dire a una delegazione di giornalisti occidentali che la NATO sta giocando col fuoco sulla questione nucleare. Non è un santo, ma nemmeno un cowboy pazzo col dito sul grilletto. Anzi, bisogna ringraziare i suoi nervi saldi, e il ministro degli Esteri Lavrov, se non ha ancora reagito a tutte le provocazioni NATO. Più intelligente della controparte americana, preferisce gli scacchi alla bomba.
Poi c’è la sinistra col mantra: Putin è il Male assoluto, antidemocratico, dittatore e omofobo. Innanzitutto bisogna dire che a molti di questi Putin sta sulle balle perché è amico di Berlusconi, e si sa che in Italia si vede tutto attraverso gli occhiali pro o contro il leader italiota di turno.
Alla Dom Knighi, la più grande libreria di Mosca sull’Arbat ho trovato testi americani contro Putin. In una vera dittatura manco sulle bancarelle a Novogireevo li trovi. Ho visto sulla metro persone leggere tranquillamente la Novaya Gazeta, giornale violentemente anti-Putin. Omofobia. Esiste una legge che vieta la “propaganda omosessuale tra i minori”. Ovvero, a scuola non si parla di queste cose. Vado controcorrente, ma la trovo giusta. Poi esistono popstar omosessuali, e il sottofondo di Elton John (che ha polemizzato con Putin) l’ho ascoltato in diversi ristoranti. Pussy Riot. Ma voi delle sgallettate che vanno a fare degli show sull’altare di una chiesa, le definite eroine?
Gli occidentali non capiscono la popolarità di Putin e la vedono con i loro occhiali ideologici. Putin è uno che ha portato ordine dopo l’era Eltsin, quando la Russia era totalmente in mano a oligarchi mafiosi che svendevano il Paese a lobbies occidentali. Momento da incubo per la Russia, di povertà endemica. Ora, grazie a Putin, si è raggiunta la normalità. Noi stiamo andando verso un’era Eltsin. Gli occidentali non capiscono che quando i russi definiscono nazisti i golpisti ucraini, quelli sono davvero nazisti: si rifanno a Stepan Bandera, alleato di Hitler, e hanno fatto pulizie etniche (a Odessa dei russi sono stati bruciati vivi. In quanto russi). Non capiscono che una nazione che ha subito diverse invasioni occidentali nella sua storia, l’ultima delle quali ha visto 26 milioni di morti, non può che essere inquietata e diventare paranoica alle manovre NATO (e ancora: ringraziare i nervi saldi di Putin e Lavrov).
Putin ha difetti. La corruzione è ancora molto presente, anche se non a livelli Eltsin. Ho sentito criticare la sua riforma sull’istruzione (un po’ italiana, mi pare). Soprattutto, non ha previsto un vero successore. Lavrov è anziano, Medvedev non vale molto. Rischia di fare lo stesso errore del suo amico di Arcore. Nonostante questo, resta l’unico leader vivente degno di restare sui libri di Storia. Ma non è né il supereroe dipinto dalla destra italiana, né il demonio dipinto dalla sinistra italiana. Che, al solito, non hanno capito un tubo.⌋

PS di micidial.it: qui sotto si può leggere la bufala mediatica su Putin ad usum Delphini

Putin: “Se l’Isis proverà ad avvicinarsi all’Italia, sono pronto a sganciare l’atomica”

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.