Giovanna Botteri: Tragedia sfiorata

Accedi gratis ai contenuti riservati

* indicates required

A momenti la bella (e brava) giornalista di Rai 3 inviata speciale a New York stamane non ci lasciava le fatidiche penne. Complice una bottiglietta di Chanel numero 5 che l’inviata secondo indiscrezioni avrebbe cercato di ingollarsi tutta d’un fiato nel tentativo di fare un gesto estremo. Salvata per il rotto della cuffia dalla colf messicana, l’inviata di rai3 pare che ora giri per l’albergo di New York scaraventando violentemente a terra tutti i maschi biondi sopra la cinquantina al grido di “YES, WE CAN”. A nulla la protesta dei maschi caucasici ospitati nel palazzo: “lassatela sfogà” ha infatti detto il sindaco di New York, l’italo americano Bill De Blasio. “Noi non lasciamo indietro nessuno”, ha ribadito il primo cittadino della Grande Mela.

Ma perché dopo aver superato lo shock  dell’elezione di Donald Trump, la nostra bella (e brava) inviata avrebbe perso il senno?

Sempre Radioscarpa lascia intendere in queste ore che la Botteri e tutta la redazione Rai di New York sarebbero impazziti alla notizia che i ribelli oppositori di Assad in Siria cercano ora rifugio presso … rullo di tamburi: l’esercito siriano di Assad! Questo è davvero troppo: come i pitagorici quando scoprirono l’incommensurabilità del lato e della diagonale del quadrato; o come Matteo Renzi, quando scoprì che la moglie cigolava perché era un armadio, così Giovanni Botteri alla scoperta della misera fine dei terroristi ad Aleppo non c’ha visto più.

“Ma come – pare abbia esclamato alla ferale notizia – per anni da New York ho fatto vedere servizi su Mosca e su Damasco e su Aleppo (stando col culo ben poggiato a Manhattan), e ora questi trogloditi figli di buona donna, questi maledetti cani del Profeta osano rifugiarsi dal Presidente siriano legittimamente eletto? Ma sono  dei pazzi traditori? E se qui cenciosi cagacazzi poi lo abbracciano e gli sporcano il completo di Armani?”

Dopo questo caustico commento, la Botteri ha perso la pazienza strappando tutte le foto degli ospedali bombardati ad Aleppo (stiamo parlando di centinaia di immagini). I testimoni rivelano che l’avvenente (e brava) corrispondente triestina avrebbe avvolto un fucile mitragliatore (regalo di Hillary Clinton) nella bandiera arcobaleno della pace scaraventandolo giù dal 48esimo piano. Poi avrebbe chiamato al telefono Maurizio Mannoni urlando a squarciagola: “sei grande e grosso, ma ce l’hai piccolooooooo”.

A seguire, l’insano gesto che però, secondo i cinici analisti di micidial.it, se portato a compimento avrebbe fatto risparmiare alle casse della Rai più di 200mila euro l’anno…

ps: si, quello è proprio il suo stipendio

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.